Come uscire dalla routine di coppia

Come uscire dalla routine di coppia?

Ma anche: cos’è la routine e perché si instaura all’interno delle nostre vite?

La routine è sempre negativa o ha i suoi lati positivi?

Leggete quest’articolo, affronteremo tutto questo e molto altro insieme, paragrafo dopo paragrafo.

Che senso ha?

Citiamo, direttamente dal vocabolario “Treccani”, l’etimologia di questo termine. Se vogliamo capire come uscire dalla routine di coppia dobbiamo infatti prima sapere cosa sia:

routine ‹rutìn› s. f., fr. [der. di route «strada»]. – 1. Pratica, esperienza (abilità che si è acquistata per mezzo dell’esperienza e non attraverso le regole e lo studio). 2. a. Modo, ritmo di vita e di attività che si ripete giorno per giorno, sostanzialmente immutato, con senso di monotonia: r. di vita (faccio la solita r.: casa e ufficio), r. di lavoro, e lavoro di r., ripetitivo e meccanico; una r. alienante. b. Nelle attività produttive industriali e commerciali, e anche in diagnostica, analisi di r., controlli di r., effettuati normalmente e periodicamente, con maggiore o minore frequenza. 3. In informatica, programma o sezione di programma funzionalmente autonomi di un calcolatore elettronico, spesso già in memoria, che possono essere richiamati e inseriti in qualsiasi programma che l’utente vuol fare eseguire.

Quella “strada” che è la routine

Non è significativo secondo voi che la parola derivi dal termine “strada”?

Ci troviamo lì, siamo tutti comunque destinati ad imboccare questa via, oppure è un percorso da affrontare e che porta ad altro?

Lo scopriremo nelle prossime righe.

Nel frattempo vorrei proseguire con la prima definizione data e quindi la routine interpretata come pratica, abilità, esperienza e solo dopo introdotta con il concetto di qualcosa di immutato, monotono, ripetitivo, meccanico, alienante…

Ma quindi, la routine è positiva o negativa? E se ha assunto una valenza negativa, può tornare ad appropriarsi invece di un senso positivo?

Scopriamolo!

Come uscire dalla routine di coppia (o modificarla in positivo)

Il consiglio è quello di leggere l’articolo completo di Valentina Guarasci, una psicologa e psicoterapeuta Ufficiale del Centro di Terapia Strategica, che nel suo sito affronta bene in un articolo il tema dell’abitudine, nello specifico su come si forma e come creare una routine positiva.

Tutto parte dal chunking, il processo attraverso il quale il nostro cervello traduce una sequenza di azioni in una routine automatica, la base dell’abitudine insomma.

Ce ne sono di semplici: mettere il dentifricio sullo spazzolino e più articolate: preparare la colazioni ai figli, tirare fuori dal garage stretto l’auto (senza rigarla)… Nel momento in cui l’abitudine viene attivata, il nostro cervello risparmia energie ed è libero di focalizzarsi su altro.

Chi ben comincia è a metà dell’opera

Iniziate a visualizzare un piccola parvenza di positività in certe abitudini e nell’innesco di una routine? Se vi interessa proseguite nel suo articolo, come dice la psicologa:

William James, famoso psicologo americano, ha suggerito una serie di buone norme per la formazione delle abitudini e per “goderne” verificandone gli effetti positivi con la consapevolezza che il cervello si può “rimodellare” per cambiare le nostre abitudini”.

Perché dovrebbe farlo? Per trovare un’“offerta” migliore, più gratificante rispetto al comportamento esistente.

Come uscire dalla routine di coppia: cambiandola!

Prima di proseguire affrontando gli aspetti negativi e capire come uscire dalla routine di coppia con altri esempi concreti e qualche spunto, diamo un assaggio per i più coraggiosi e citiamo un altro blog, “Movimento Minimalista” di Stefania Caldera, che già nelle prime righe associa al binomio “routine giornaliera” = felicità.

Se non te la senti di provare ad applicare un piccolo esercizio, un tentativo per vedere non come uscire dalla routine di coppia ma trasformarla positivamente, allora passa semplicemente al prossimo paragrafo.

Il suo invito è infatti quello di vedere la routine giornaliera come una to-list da portare a termine ogni giorno, tutti i giorni.

Perché mai?!?

Avete presente l’edificante sensazione di mettere una bella spunta alle cose da fare? Ecco, il motivo dietro è che tutte le volte che completiamo un progetto, il nostro cervello rilascia dopamina, un neurotrasmettitore responsabile della generazione di sentimenti di realizzazione, soddisfazione e felicità che ci motiva anche a continuare a completare le attività per estendere quella sensazione piacevole. (E di conseguenza potremmo fare più cose di quelle che normalmente riusciamo a fare).

Un passo dopo l’altro, ecco come uscire dalla routine di coppia.

Questo è quanto dice Stefania di fare per una routine giornaliera efficace. L’aggiunta ai seguenti punti è la seguente: provate ad applicarlo nella vostra relazione e nella vostra coppia.

1) Trova degli obiettivi concreti per cui alzarti la mattina.

Ricorda, più è specifico il tuo obiettivo, più facilmente riuscirai a raggiungerlo e a non “sgarrare” durante il percorso.

2) Fai una lista di tutte le attività di cui vuoi o ti devi occupare ogni giorno e che ti aiuteranno ad arrivare agli obiettivi che vuoi raggiungere, sulla base di questa organizzati la giornata.

Alcune strategie che possono aiutarvi:

Suddividi le giornate in blocchi tematici inserendovi attività precise.

L’ordine porta a chiarezza mentale.

Organizza la giornata con la regola dell’8, suddividendo le 24 ore giornaliere in 3 porzioni appunto da 8. Farlo permette di ottenere un perfetto equilibrio tra vita lavorativa e privata, prevenendo il burn-out e altre spiacevoli conseguenze dell’overworking (o della mancanza di sonno e trascuratezza del tempo libero e personale – relazionale).

8 ore al giorno, non un minuto di più, non un minuto di meno.

Quando hai finito, hai finito!

Tutte queste cose ridurranno lo stress e miglioreranno la salute della vostra relazione.

Come uscire dalla routine di coppia, quando le abitudini diventano negatività.

“Se pensi che l’avventura sia pericolosa, prova la routine. È letale.” (Paulo Coelho)

La routine è potenzialmente letale.

Il cambiamento ci fornisce energie e vitalità.

Fare le cose in modo ripetitivo porta invece a perdere di vista il significato di ciò che facciamo.

Si smette di cercare permanendo dove ci fa più comodo. Fino a quando questa situazione non risulta effettivamente scomoda.

Come uscire dalla routine di coppia negativa? Occorre lasciare la comfort zone e tornare a ridefinire il tempo e i contorni della relazione.

Forse vorrà dire uscire un po’ dal torpore del letargo, ma farlo riporta in vita!

Come uscire dalla routine di coppia: datevi un obiettivo!

Spesso i cambiamenti spaventano e allora capita di rifuggirli, questo però, se esasperato, può provocare noia, senso di insoddisfazione e un forte bisogno di fare qualcosa di totalmente diverso, di nuovo.

Allo stesso tempo, però, per riuscire bene (o meglio) occorrono allenamento e costanza.

Come uscire dalla routine di coppia in maniera equilibrata?

Quante delle coppie che si ritrovano intrappolate nelle loro routine senza riuscire a raggiungere i loro obbiettivi in realtà non hanno più idea di quali siano i loro obiettivi di coppia? Quale il loro progetto comune?

Non è banale ma è fondamentale riflettere se la routine che si sta adottando è mirata e utile, cercando in caso contrario, di portarla verso questi obiettivi.

Che noia… Basta!

“Facciamo sempre le stesse cose”, “non facciamo mai niente”… Ecosì via.

È nella natura delle cose che la ripetitività indotta dalle abitudini porti con sé la monotonia.

Nel frattempo si cercano distrazioni, si passa più tempo con gli schermi che con chi abbiamo accanto, si affievoliscono l’intimità, la sessualità e la serenità complice e ridente è sostituita da lamentele e difetti messi sotto i riflettori. Quasi insopportabili.

Meno spontaneità, più litigiosità.

Come uscire dalla routine di coppia allora?

Come prima cosa provate a definire da cosa deriva: è il lavoro ad incidere troppo? I figli hanno tutte le vostre energie? Manca il tempo libero?

(Per intervenire proprio sull’organizzazione della vita rileggere il capitoletto sopra).

Poi focalizzati sul partner e sul “noi”. Generate insieme opportunità per rafforzare la vostra coppia.

Dedicatevi tempo (di qualità) e attenzioni.

Tornate ad uscire, fatevi un regalo senza aspettare date specifiche o ricorrenze usuali, dedicatevi vicinanza e gesti di gratitudine affettuosa e tenera generosità.

Incoraggiatevi!

Perdonatevi, parlate e dialogate. Lavorate sulla comunicazione, anche in maniera giocosa ma andando in profondità ( Evergreen Love è stato inventato per questo).

Non dimenticate di ringraziarvi e di mettere in luce gli aspetti postivi l’uno dell’altro i motivi e le basi del vostro amore, allenatevi in questo.

Trovate un nuovo hobby, spazi per voi e per rigenerarsi ciascuno per conto proprio, ritrovarvi sarà più piacevole!

Prendetevi cura di voi stessi, delle vostre persone e dei vostri corpi, ci si ama anche in tuta e con i capelli in disordine o la barba sfatta, ma farsi carini l’uno per l’altra ogni tanto può avere effetti inaspettati 😉 .

Organizzate fughe d’amore e scoprite un posto mai visto, anche a rischio di spostarsi un po’.

Come fare allora a combattere la monotonia di coppia ed evitare una relazione noiosa?

Siate leggeri, in primis tu che leggi, il tuo partner si coinvolgerà più spontaneamente vedendo i benefici in te!

Mantenetevi creativi. In senso metaforico e letterale.

Per esempio in questo articolo tra le altre cose per combattere la routine di coppia si proponeva di rinnovarsi insieme alla casa in cui si vive, alle volte basta anche solo concentrarsi su di una camera e dipingerne le pareti, comprare dei nuovi mobili o semplicemente rimodernare quelli che già si hanno, così da poter dare un nuovo stile al nido d’amore creando una buona situazione in cui condividere idee e creatività e quello spazio rinnovato in voi.

Improvvisate!

Se vi chiedete come uscire dalla routine di coppia, ogni tanto provare ad evitare di pianificare tutto può essere una buona risposta.

Il sabato per la spesa, le domeniche per i pranzi dai genitori, le vacanze nei soliti posti.

Certo, abbiamo detto precedentemente che in genere questa organizzazione è una buona soluzione, ma confermiamo anche che la vostra coppia (e ciascuno di noi) ha bisogno di cambiamenti per durare e crescere.

Un buon compromesso può risiedere nel fare letture alternative, più o meno “attive”.

In questo Briicks sa aiutarvi.

Letture alternative per rinvigorire l’amore e la felicità di coppia:

Per la categoria libri che portano a mettersi in gioco: I manuali definitivi Briicks, ossia:

Il manuale definitivo per la felicità di coppia e Il manuale definitivo per l’intimità di coppia. Il primo vi riporterà alla scoperta del vostro perché, progettando e delineando la vostra felicità insieme.

Il secondo una coccola speciale da fare alla vostra intimità per farvi crescere nella sconosciuta arte del fare l’amore da dio.

Entrambi sono speciali, perché non si tratterà solo di leggere, ma anche e soprattutto di completare e scrivere voi le pagine più importanti della vostra coppia attraverso le linee guida e le tracce lasciate.

In alternativa Grow Your Love: per 90 giorni riceverete un “caffè”, un messaggio conciso ma ricco di energia per la relazione. L’ideale per ricaricarsi e ritornare a vedersi da diversi e rinnovati punti di vista.

A voi la prossima mossa!

Speriamo di avervi dato qualche spunto e una spinta su come uscire dalla routine di coppia.

Evitare di cadere nella consuetudine del solito tran tran in una relazione di coppia non è impossibile e non per forza è difficile.

Cominciate e vedrete! Persino con piccolissimi cambiamenti, a volte, si può ottenere tanto.

Trovate le vostre dosi, i vostri mix, i vostri tempi e metteteci sempre tanto amore!

Se questo contenuto ti è piaciuto, condividilo e aiuterai altre coppie a crescere e ad amarsi ancora di più

Facebook
Twitter
Pinterest
Tumblr
WhatsApp
Telegram

Lascia un commento

Seguici sui Social Media

Ecco altri articoli che potrebbero interessarti

Potrebbero interessarti anche

0

Il tuo carrello è vuoto