×
/ crescita di coppia / Sentirsi soli in coppia, capita davvero spesso
sentirsi soli in coppia

Sentirsi soli in coppia, capita davvero spesso

Sentirsi soli in coppia non è una situazione così insolita,nella mia esperienza ho incontrato molte coppie in cui uno dei due membri lamentava una sensazione di solitudine. Ciò che più li faceva soffrire era la sensazione di incomprensione da parte del partner, a volte anche di sentirsi continuamente in una condizione di inferiorità, e di […]

Categoria: crescita di coppia

Articolo di: Agnese Lombardi

Sentirsi soli in coppia non è una situazione così insolita,nella mia esperienza ho incontrato molte coppie in cui uno dei due membri lamentava una sensazione di solitudine.

Ciò che più li faceva soffrire era la sensazione di incomprensione da parte del partner, a volte anche di sentirsi continuamente in una condizione di inferiorità, e di doversi continuamente giustificare nelle proprie scelte. La percezione di non sentirsi ascoltati o che la coppia non sia di sostegno alle nostre difficoltà, ma al contrario le minimizzi. Anche queste sono sensazioni comuni per chi vive questa situazione.

Cosa sta succedendo alla nostra Coppia?

Tutto questo parte da una distanza che si può creare per diversi motivi.

Possono essere motivi di forza maggiore che portano i due partner ad allontanarsi, come una vacanza separati per motivi di lavoro; una trasferta di lavoro per un tempo più lungo; o un trasferimento.

Oppure possono essere motivi legati ad eventi di vita particolarmente drammatici per uno dei due partner: un lutto, un licenziamento o altro.

Ciò porta i due membri della coppia a viaggiare come due treni su binari paralleli, ognuno che corre veloce sulla propria tratta giornaliera, senza che mai gli orari coincidano nella stessa stazione.

Non c’è lo spazio per incontrarsi e neanche il tempo.

Per fare un esempio pensiamo ad una coppia che ad un certo momento della sua storia viene “benedetta” dall’arrivo di un bambino. Spesso in una coppia si crea una separazione: il papà presto (fin troppo) torna a lavorare, mentre la mamma spesso si occupa del bambino almeno per i suoi primi 3 mesi. Può capitare che in questo momento si creino delle fratture: lui (Treno1) non comprende le difficoltà che sta vivendo lei, anzi può capitare che quasi “la rimproveri” perchè nonostante sia tutto il giorno a casa, c’è disordine. Lei (Treno2) quando arriva lui non lo calcola manco di striscio, appena può gli schiaffa il bambino in braccio, oppure lo inonda con tutte le cose che sono da fare in casa e lei non è riuscita perchè non ha avuto un attimo di riposo.

Sentirsi soli in coppia: quando si perde la complicità

Una volta che i due partner si trovano in questa situazione lentamente iniziano a perdersi. Si perde la connessione emotiva, spesso anche la sessualità ne risente e così diminuiscono i rapporti.

Una situazione del genere può andare avanti per molto tempo, almeno fino a che non non ci si accorge che la coppia sta sparendo.

Può essere che uno dei due se ne accorga. Ed allora inizia a sentirsi solo, a percepire la distanza che si è creata col partner. Inizia magari a prendere qualche iniziativa in più, ma l’altro è ancora sul suo binario, non riesce ad accorgersi di ciò che avviene intorno a lui.

È allora che emergono i sentimenti di solitudine, inadeguatezza rispetto al partner.

Può capitare che la relazione abbia qualcosa di sbagliato solo per uno dei due, che inizia a chiedersi dove sia il problema, se il problema sia lui o lei, oppure dà la colpa all’altro/a di ciò che non va o di non fare niente perchè le cose vadano meglio.

E poi? Alcuni consigli per non sentirvi soli in coppia

E poi, sia che siate i soli a sentire che la coppia è scomparsa, sia che entrambi vi sentiate soli in coppia, uscire da questa situazione non sembra possibile quando ci si è immersi fino al collo. Sembra di non avere armi per poter smuovere la situazione: parlarne non serve, urlare non serve, nulla smuove.

‘E giunto il momento di fare un passo indietro.

Ecco alcuni consigli:

1. Non concentratevi su cosa sta succedendo

Non pensate a dove sia la colpa, liberatevi del pensiero della responsabilità. Di una situazione soffocante. Tornate con la vostra mente nei ricordi piacevoli che avete passato insieme. Provate magari a non avere rapporti sessuali fino a quando non ritroverete la complicità prima di tutto emotiva, affettiva.

2. Provate a proporre al vostro partner di staccare la spina

Proponetegli/le di fermare il treno, di fare insieme rifornimento: una vacanza, un week end, la partecipazione ad un seminario per coppie. Se siete una coppia come quella dell’esempio, affidate vostro figlio ai nonni per quanto più tempo potete, se possibile anche una 24 ore. Il primo passo è quindi non sentirsi più soli in coppia, ma tornare a riscoprire il piacere di stare insieme, riscoprire perché ci si è reciprocamente scelti, concedendosi perché no, qualche piccola coccola reciproca. L’obiettivo di questi primi due step non è risolvere la situazione, ma semplicemente oliare un pò le ruote del treno Coppia, abbandonato in quella stazione di rifornimento, per riuscire a rimetterlo in moto.

3. Cimentatevi in qualcosa di nuovo per entrambi

Perché non esplorare nuovi interessi in comune: un nuovo hobby, una nuova esperienza da condividere. Può essere un corso di ballo, oppure qualcosa di più sporadico, ad esempio un gruppo di coppie che si organizza una volta al mese, in base alle vostre esigenze e possibilità. Oppure potete provare a vedere se sul sito di Briicks trovate qualcosa che stuzzica il vostro appetito da coppia che deve riscoprirsi.

4. Riprendete in mano il vostro progetto.

Avete un progetto comune? Come ci ricordano Marco e Maria nel loro libro “Il Manuale definitivo per la Felicità di coppia” la coppia nasce da un progetto comune: “Non c’è coppia senza una progettualità condivisa, un sogno, un desiderio comune vissuto”. Forse lo stop della vostra corsa, il sentirsi soli in coppia, può essere legato ad aver raggiunto una tappa, o concluso il progetto che finora vi siete costruiti. O forse non avete mai pensato di averne bisogno. Costruite il vostro progetto. Ponetevi nuove mete, nuovi obiettivi.

5. Spazio alla fantasia…

Una volta che siete riusciti a ritrovare l’intimità e la complicità emotiva, affettiva, è il momento di ritrovarla anche “in camera da letto”. Parlate delle vostre fantasie e provate a metterle in pratica. Se fino a questo momento siete riuscire a sospendere la vostra attività sessuale, ritrovarsi sarà ancora più bello!

Stare soli in coppia, senza sentirsi soli

Ricordatevi che la solitudine se intesa come un momento in cui ogni partner dedica un momento a se stesso e a ciò che sono i suoi interessi è positiva per la coppia. Non per questo deve farvi sentirvi soli in coppia.

Avere dei tempi personali ed individuali aiuta la coppia a rinnovarsi ed arricchirsi se le esperienze di ognuno vengono condivise e diventano patrimonio per la coppia.

Ho provato, ma

Se ancora vi sentiti soli nella vostra coppia, vi consiglio la lettura dell’articolo che ho scritto sulla crisi di coppia: Crisi di coppia: è giunto il momento di lasciarsi?. Spero possa darvi stimoli diversi ed utili per ripartire con il vostro Treno di Coppia.

In bocca al lupo!!

 

_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *