×
/ C'è posta per la vostra coppia! / La differenza tra “mi piaci” e “ti amo”
La differenza tra

La differenza tra “mi piaci” e “ti amo”

Buongiorno ! Si avvicina il Natale! Come cantano gli Eugenio in Via di Gioia (un gruppo emergente di Torino) è “Novembre il nuovo mese di Natale”: i primi panettoni nei supermercati spuntano infatti da inizio Novembre! Troppo lontano per crederci e invece dopo l’Immacolata il Natale è alle porte.   Sai qual è la differenza […]

Categoria: C'è posta per la vostra coppia!

Articolo di: Marco Mattio

Buongiorno !
Si avvicina il Natale!

Come cantano gli Eugenio in Via di Gioia (un gruppo emergente di Torino) è “Novembre il nuovo mese di Natale”: i primi panettoni nei supermercati spuntano infatti da inizio Novembre! Troppo lontano per crederci e invece dopo l’Immacolata il Natale è alle porte.

 

Sai qual è la differenza tra “Mi piaci” e “Ti amo?”.
Si dice che il Budda (ok, le citazioni prendiamole sempre con le pinze, su Internet talvolta le fonti sono “fantasiose”) rispose così:

Quando ti piace un fiore basta coglierlo.
Ma quando si ama un fiore lo si annaffia ogni giorno.

Credo che questa logica dell’annaffiare la pianta che ami ogni giorno sia preziosa per chi vuole costruire una coppia forte e solida.
Certo, talvolta ci viene da pensare: “ma quel fiore ha davvero bisogno di acqua tutti i giorni?”

Da piccolo per esempio innaffiando tutti i giorni con passione una peonia l’ho fatta marcire e morire imparando che serve la giusta dose d’acqua e non basta dare ogni giorno senza chiedersi se sia la cosa davvero la cosa più utile per quella piantina.

E potrà capitare anche che quel fiore perderà petali e foglie a prescindere dal fatto che noi l’abbiamo innaffiato, è bene così, fa parte dei cicli della natura!

Spesso ci nascondiamo dietro questi segni e scuse per non prenderci davvero cura dell’altro: “Non vorrei innaffiarlo troppo”, “Ma anche se l’ho bagnato ogni giorno è sfiorito, non è servito a nulla”.

Il bello del coltivare una Relazione di coppia però è che si può parlare, ci si può chiedere insieme che cosa serva in quel momento alla relazione: meno acqua? Concime? Più luce? Acqua meno calcarea, o forse più ferrosa? Ha bisogno di fresco, ah no, di umidità… la nostra relazione dà sempre segni chiari e precisi e insieme possiamo leggerli e donare le giuste attenzioni!

Buona settimana da coltivatori! A presto!

_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *