×
/ C'è posta per la vostra coppia! / Il bullo interiore
Il bullo interiore

Il bullo interiore

Ciao ! Eccoci con l’augurio di una nuova settimana! Oggi si parla di bullismo. Calma, calma calma, no, Andrea (mio figlio) non ha fatto il bullo con i suoi coetanei duenni dell’asilo. Il bullo di cui vorrei parlarti in questa email è il bullo interiore che in qualche maniera ognuno si porta dentro e che […]

Categoria: C'è posta per la vostra coppia!

Articolo di: Marco Mattio

Ciao !
Eccoci con l’augurio di una nuova settimana!

Oggi si parla di bullismo.

Calma, calma calma, no, Andrea (mio figlio) non ha fatto il bullo con i suoi coetanei duenni dell’asilo.

Il bullo di cui vorrei parlarti in questa email è il bullo interiore che in qualche maniera ognuno si porta dentro e che prima o poi esce (soprattutto nei momenti di litigio o di stanchezza, quando si abbassa la guardia).

Ti consiglio se vuoi approfondire l’argomento di cercare su Youtube Brooks Gibbs un educatore di Social & Emotional Learning.
In una sua presentazione spiega che cos’è davvero il bullismo: uno squilibrio di potere che qualcuno sta cercando di avere su di te.

I sociologi in fondo hanno studiato il bullismo per decenni! Semplicemente non lo chiamano così, ma da sempre hanno analizzato il comportamento dominante delle persone e le motivazioni che le spingono a sopraffare gli altri.

A volte il nostro bullo interiore è ben mascherato, si camuffa che neanche i migliori trasformisti ed è lì in agguato, senza che ce ne accorgiamo, cercando di controllare, dominare, costringere il proprio partner anche in cose piccole e apparentemente insignificanti.

Tutti infatti hanno dentro di sè una parte di ego infantile che lentamente matura ma è ancora alla ricerca di approvazioni e conferme. E quando questa si scontra con i limiti, l’umanità, la fragilità del proprio partner, ecco che si creano le dinamiche di conflitto e di sopraffazione.

Cosa fare allora in queste circostanze?

Quando ti offendono, dice Gibbs (ma tanti Maestri hanno condiviso questa verità prima di lui ;-), quando provano a farti del male, tu ricambia apprezzando.

Fa’ in modo che quel male non si aggrappi a te e rispondi con il bene.

Non si tratta di avere un semplice atteggiamento zen. Tutti abbiamo bisogno di esternare la nostra (legittima) rabbia e delusione ma riconosci che in quel momento contrattaccare il bullo interiore del tuo partner non è affatto utile.

Rispondere con rabbia significherebbe fare il suo gioco ed entrare nella dinamica di potere e prevaricazione di cui parlavamo all’inizio.

In quella frazione di secondo in cui rispondi all’offesa puoi decidere qual è la risposta più efficace: quella che fa ingigantire il bullo (che a quel punto alzerà il volume ancora di più per sentirsi più potente), o quella che lo neutralizzerà (usando l’intelligenza emotiva per mettere da parte una possibile offesa personale).

È semplice? No!

Ma imparare a farlo, sia nella coppia che nelle dinamiche di conflitto che si vivono ogni giorno e certamente prezioso e utile a vivere una vita migliore e più felice!

Quindi iniziamo pure da adesso a fare questa cosa e ne trarremo tutti benefici immensi!

Buona settimana della neutralizzazione!

_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *