×
/ matrimonio e dintorni / Come organizzare il matrimonio: ecco il metodo D&I
come Organizzare il matrimonio

Come organizzare il matrimonio: ecco il metodo D&I

Se vi state chiedendo come organizzare il matrimonio perfetto, senza affanni o ritardi a ridosso della cerimonia, questo è il luogo giusto per voi! Come funziona il metodo “Divide et impera”? Le origini risalgono al tempo di Filippo il Macedone; noi lo useremo a nostro favore per pianificare e programmare le attività da fare. Il […]

Categoria: matrimonio e dintorni

Articolo di: Marco Mattio

Se vi state chiedendo come organizzare il matrimonio perfetto, senza affanni o ritardi a ridosso della cerimonia, questo è il luogo giusto per voi!
Come funziona il metodo “Divide et impera”? Le origini risalgono al tempo di Filippo il Macedone; noi lo useremo a nostro favore per pianificare e programmare le attività da fare. Il meccanismo che sta alla base di questo metodo è quello di suddividere un problema (nel nostro caso: “come organizzare il matrimonio”) in tanti piccoli sottoproblemi, e successivamente a loro volta risuddividerli in sottoproblemi di minore entità. Più si va in profondità, più i sottoproblemi divengono piccoli e davvero facilmente affrontabili con pochi sforzi. Cosa invece che, senza un buon metodo, non sarebbe fattibile!

Volete un esempio? Trovare un buon fotografo può essere un’attività complessa, ma se suddivido la ricerca in 3 fasi – la raccolta di possibili nominativi, la selezione e, infine, un terzo momento di trattativa e finalizzazione – sarà tutto molto più semplice. È poi fondamentale fissare delle date (milestones) entro le quali elaborare quella specifica fase!

Quanto tempo prima bisogna partire per organizzare il matrimonio?

Questa è una domanda che si fanno in molti e non c’è una risposta universale, ma possiamo solo condividere un ragionamento. Ci sono dei tempi che sono fisiologici come quello del confezionamento del vestito da sposa o i tempi legati alle pratiche burocratiche per il rito civile o quello religioso (che spesso richiedono la partecipazione a dei corsi per prepararsi al matrimonio), quindi oggettivamente crediamo che sia molto difficile sposarsi in meno di 3 mesi (ma saremo contenti di essere smentiti nei commenti).
Ciò che però spesso porta via molto tempo è l’indecisione. Avere le idee chiare ed essere determinati e risoluti vi aiuterà a risparmiare molto tempo: abbiamo visto giovani partiti due anni prima arrivare poi in ritardo. Non è l’abbondanza di tempo a garantire una buona organizzazione, anzi: spesso proprio chi ha poco tempo sa che deve usarlo bene e quindi sta più attento a pianificare tutto nel modo migliore!

C’è però un altro aspetto da tenere in considerazione. Location, catering, fotografi, sono risorse esclusive: se quella data è già impegnata, non se ne fa nulla, bisogna ripiegare su un’altra soluzione. Partire per tempo ci aiuterà a trovare più spazi liberi con il saggio e antico principio del: “chi prima arriva, meglio alloggia”.

Le 3 fasi per organizzare il matrimonio

Il metodo che abbiamo strutturato per aiutarvi ad organizzare il matrimonio si basa quindi sulla suddivisione in 3 fasi: Avvio (in cui si mettono i paletti, si prendono quelle scelte che determineranno lo stile e le modalità della festa), una fase intermedia in cui si andranno a concretizzare tutte le scelte, e la terza fase di messa a punto e di finalizzazione.

Ora andremo a specificare punto per punto, ma per rendervi il tutto più semplice dal punto di vista visivo vi abbiamo creato un’infografica.

Come organizzare il matrimonio ecco il metodo D&I

 

FASE1: Avvio

È la fase in cui è tutto più complicato e confuso, perché le idee sono poco chiare e ci vuole un po’ di tempo per confrontarsi ed arrivare a delle scelte che siano davvero comuni e di coppia. È una fase molto ricca dal punto di vista umano perché avrete l’oppurtunità di conoscere ancora di più il vostro partner: se non avete mai organizzato nulla insieme, in questa fase verranno a galla tante cose preziose di voi!

  • Stabilire la data delle nozze (e un eventuale piano B della data: non è detto che il ministro, l’ufficiale, la location abbiano disponibilità in contemporanea per quel giorno).
  • Chiedere il nulla osta al sacerdote o al rappresentante del proprio culto; prendere contatti con il Comune per la “promessa di matrimonio”; avviare le pratiche delle pubblicazioni matrimoniali (procurandosi il certificato di residenza e quello di stato libero).
  • Stabilire il tipo di festa che si vuole fare (dedicarci il giusto tempo in questa fase vi farà risparmiare energie, tempo e discussioni dopo).
  • Stabilire una lista di massima degli invitati (in questo momento serve a definire la portata indicativa che deve avere il locale della festa).
  • Cercare la location per il vostro matrimonio. Abbiamo solo da ringraziare di essere nati in un tempo in cui l’elenco delle location papabili è davvero accessibile in pochi click.
  • Iniziare a confrontarsi sul regime patrimoniale con il quale ci si desidera sposare (separazione o comunione dei beni?). Questa cosa spesso è scontata ma pensarci per tempo è vantaggioso.
  • Scegliere i testimoni di nozze.
  • In questa fase la sposa può iniziare ad individuare il negozio giusto per l’abito della cerimonia.

È molto difficile dare un tempo ad ogni singola attività che costituisce questa fase, perché molte sono reciprocamente dipendenti, quindi la cosa migliore è quella di stabilire una data entro la quale è fondamentale essere usciti dalla fase 1 per garantire sufficiente tempo alle altre due.

FASE2: La terra di mezzo

In questa fase c’è il grosso dell’organizzazione: se avete fatto bene il lavoro nella fase 1, ora si tratterà di concretizzare le scelte e di raffinarle fino ad avere preparato tutto ciò che vi sta a cuore.
Ci sono delle attività che sono prioritarie perché o necessitano di molte attenzioni per essere curate bene, oppure perché i fornitori potrebbero avere già la vostra data occupata, quindi muoversi per tempo è un ottimo vantaggio. Vi scriviamo tra le parentesi quanto tempo prima è bene partire con quell’attività.

Attività prioritarie

  • Trovare un buon fotografo e/o videomaker (8 mesi prima)
  • Progettare e stampare le Partecipazioni di nozze (3/4 mesi prima)
  • Nel caso di un matrimonio religioso ci sono da stabilire la liturgia e i canti della cerimonia, scegliere le letture ( 3/4 mesi prima)
  • L’animazione del matrimonio: musica, dj, animazioni, artisti, o tutto ciò che può renderlo un matrimonio divertente (3/4 mesi prima)

Attività di priorità normale

  • Valutare e scegliere le decorazioni floreali (2/3 mesi)
  • Valutare se noleggiare o meno un mezzo di trasporto particolare (3 mesi)
  • Organizzare eventuali sistemazioni per i vostri invitati che arrivano da lontano (3 mesi)
  • Stabilire la meta del viaggio di nozze (dai 12 a 1 mese prima)
  • Scegliere le bomboniere per il matrimonio (dai 5 ai 2 mesi prima)
  • Preparare le indicazioni per arrivare al luogo della celebrazione/promesse e all’accesso (4/2 mesi prima)
  • Compilare la lista nozze (2/3 mesi)
  • Scegliere e ordinare le fedi nuziali e l’eventuale cuscinetto porta fedi (2/3 mesi)
  • Stabilire il menù del ristorante (2 mesi)

Attività esclusive della sposa

  • Scegliere le modalità del “trucco e parrucco” della sposa (3 mesi prima)
  • Scegliere gli accessori (intimo, scarpe, cappellini, pochette, coprispalle…) (2 mesi)

Attività esclusive dello sposo

  • Abito dello sposo (2 mesi prima)
  • Lo sposo sceglie il bouquet della sposa (1 o 2 mesi prima del matrimonio)

Fase 3

Qesta terza e ultima fase avviene proprio alla vigilia delle vostre nozze: una settimana prima del vostro giorno. Si tratta di finalizzare e avere conferma dai fornitori di tutti i dettagli, ritirare i vestiti, consegnare le bomboniere e i materiali nelle location.

  • Ritiro degli abiti (1 settimana)
  • Eventuale ritiro dei biglietti del viaggio di nozze (1 settimana)
  • Confermare gli orari del fotografo (1 settimana)
  • Confermare l’appuntamento di “trucco e parrucco” (3 giorni prima)
  • Confermare la consegna dei fiori alla festa e per la cerimonia (3 giorni prima)
  • Confermare gli orari agli animatori (3 giorni prima)
  • Portare le bomboniere alla location (il giorno prima)

Ma è utile un wedding planner per organizzare il matrimonio?

La nostra risposta a questa domanda è: occorrono degli sposi che si “amino molto” per organizzare il matrimonio! È questa la condizione necessaria! Non vi spaventate se ci saranno litigi o incomprensioni, se non riuscirete a trovare le giuste priorità per prendere subito la scelta giusta: sappiate che organizzare il vostro matrimonio sarà una cosa davvero preziosa per unirvi e per imparare a costruire la vostra famiglia, un primo e importantissimo mattoncino per la vostra famiglia. Un wedding planner, se in armonia con voi, allineato con le vostre richieste e desideri, non potrà che essere un utile sostegno per le cose più pratiche e per liberarvi da tutte le incombenze più noiose. Un buon metro per capire se è un valido aiuto è quello di osservarvi e monitorare se, da quando vi sta aiutando nei preparativi, ci sia tra voi ancora più armonia di prima… allora bravi, avete davvero fatto un’ottima scelta!

_

2 responses

    1. Troppo vero…preparare insieme il matrimonio è davvero prezioso per unire gli sposi e imparare a costruire mattoncino dopo mattoncino la futura famiglia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *