×
/ Briicks Risponde / Voglio stare con lui perchè lui ha bisogno di me

Voglio stare con lui perchè lui ha bisogno di me

Briicks Risponde ad una nuova ragazza! Ecco la sintesi della sua richiesta:

“Stiamo insieme da un anno, ovviamente il primo periodo andava tutto benissimo, dopo qualche mese per questioni lavorative abbiamo convissuto ed è stato il periodo più bello di tutti nonostante il lavoro fosse un grosso problema. Terminate entrambe le esperienze lavorative siamo tornati nella città da cui proveniamo (la stessa) e dopo circa tre mesi sono iniziati i problemi. Io credo che lui soffra di depressione ma non lo vuole accettare. Quindi da febbraio circa ci siamo trovati di fronte a tante litigate dovute al fatto che non avesse voglia di fare nulla, anche quando andavo a casa sua a trovarlo poiché non uscivamo quasi mai, il contatto fisico e mentale si era molto ridotto. Con la quarantena la situazione è peggiorata, non mi chiama mai, non scrive mai qualcosa di carino, e quando litighiamo perché non ne posso più di questa situazione o evita i discorsi seri oppure mi dice che se non mi sta bene posso lasciarlo, che lui non ha le forze ne la voglia di fare niente se non dormire e mangiare. Non so più cosa fare, voglio stare con lui perché so che ha bisogno di me in questo periodo difficile di depressione ma dall’altra parte vorrei che anche lui riuscisse a starmi vicino come prima. Ho provato di tutto, dall’essere accondiscendente a essere un po’ più decisa, ma sembra che niente abbia l’effetto sperato, e cioè farlo tornare a come era prima.”

Se anche tu desideri avere un parere sulla relazione che vivi, scrivici qui.

Se non ti è possibile guardare il video, ti lasciamo anche la trascrizione della nostra risposta in video.

Marco presenta la situazione

Ciao a tutti per nuovo episodio di Briicks Risponde, la rubrica in cui rispondiamo alle persone e ai nostri lettori che ci chiedono aiuto, un confronto, su quella che è una situazione che stanno vivendo all’interno della loro relazione di coppia. Questa rubrica la tengo insieme ad Agnese Lombardi, psicologa e psicoterapeuta.

Cara amica che ci scrivi ,oggi finalmente possiamo darti un nome! Sara solitamente tutti vogliono rimanere anonimi, non sappiamo perché ci sia proprio bisogno di quest’anonimato, grazie che possiamo chiamarti per nome!  Sara ci ha condiviso un po’ quella che è la sua situazione: sta insieme da relativamente poco con il fidanzato, all’inizio andava tutto molto bene e poi in qualche maniera negli ultimi tre mesi sembra che il suo fidanzato sembra soffrire un po’ di depressione, o meglio, questo è quello che prova a intuire lei.

Sara ha provato anche a parlarne ma lui è stato molto secco e netto sul fatto che se va bene così bene, sennò niente. La soluzione si è anche aggravata in questo momento legato al coronavirus e ai decreti che impongono di non vedersi, di stare distanti.

Ecco cara Sara, grazie per aver scritto, sicuramente c’è un altro Briicks Risponde che potrebbe esserti di aiuto perché anche un’altra ragazza come te si trova in una situazione simile alla tua e quindi ti invitiamo a cercare nell’archivio.

Tutti i nodi vengono al pettine

Sull’aspetto della depressione, è un qualcosa di realmente difficile da risolvere e guarire da soli da questa malattia. Quindi è veramente un qualcosa di molto delicato! mi ha colpito della tua email quando ci dici che “ovviamente all’inizio andava tutto bene”, è un po’ diciamo “forte” e quindi mi permetto di commentare un pochino questo:  particolare che tu l’abbia scritto così e mi chiedo se in quelle che sono le tue credenze c’è questo aspetto che tutte le relazioni all’inizio vadano bene e poi dopo vengano fuori i problemi, perchè ecco non è che sia sempre così, magari per la tua esperienza è così, e si è vero, a volte vengono fuori dei nodi al pettine ma non è che per forza le relazioni debbano prima partire bene e poi deteriorarsi.

Cosa c’è dietro i clichè

Ti invito quindi un po ad approfondire nella tua vita questo pensiero, ci sono delle credenze che all’interno della tua vita ti hanno portato a pensare questo? Prova a capire come mai  o se eventualmente tu hai provato nella tua vita sempre esperienze simili. Capire questo cliché a volte è veramente d’ aiuto per portare consapevolezza all’interno della propria vita e anche un po’ di quelle che sono le proprie responsabilità nel rapporto. Detto questo, che era un inciso, quello di cui vorrei parlarti è questo aspetto della depressione: allora il primo concetto chiave è che tu non puoi salvare in senso stretto il tuo fidanzato. Ok lui ha bisogno di te, ma in realtà lui ha bisogno di un professionista bravo che lo aiuti a uscire fuori da questa situazione. Ha bisogno di essere amato indubbiamente, tutti quanti abbiamo bisogno di essere amati, ma stai attenta a non entrare nel ruolo di crocerossina, quella che deve salvare a tutti i costi l’altro, perché in questo ruolo è facile entrarci ma è molto difficile uscirci e poi soprattutto vige sempre un po’  la regola che aiutare l’altro va bene, ma senza farsi del male perché se nell’aiutare l’alto tu inizi a farsi male e a perdere diciamo il tuo centro di benessere, la tua felicità, ecco questo diventa molto pericoloso perché non ci sarà solo più una persona da curare ma ce ne saranno due.

Cos’è per voi la felicità?

L’altro aspetto è quello di capire effettivamente lui che cosa sta vivendo, ok , ne avete parlato in maniera esplicita, ma ti invito a farlo: prova a chiedergli che cosa lo rende felice, che cosa si aspetta e sogna dalla sua vita, magari è realmente solo in un momento di confusione, di chiusura in cui si è un po’ perso, non sa bene che direzione prendere. Mi auguro realmente che sia solo così, che sia un momento di difficoltà, iniziate insieme a parlare di felicità e di che cosa si aspetta lui della vita, qual è il suo senso, il ruolo all’interno del mondo, quali sono le difficoltà e che cosa gli sembra insormontabile. Sicuramente questo periodo legato alle restrizioni del Coronavirus non aiuta ad avere sogni e aspettative per il futuro, però non per questo bisogna fermarsi e bloccarsi ,anzi, parlarne e riuscire a tirare fuori quello che si pensa e che si prova, con anche paura e disagi ,i timori che si vivono, è davvero di aiuto ed è importante e questo è uno spazio che tu puoi costruirti e anche concederti, nel senso che è molto bello che all’interno della coppia ci si aiuti a capire qual è il proprio desiderio di felicità e il proprio percorso.

Ripulire il filtro dell’innamoramento

L’ultimo aspetto, cara Sara è quello di guardare un po’ il vostro passato e tutte queste cose che tu riconosci nel tuo fidanzato adesso ma col senno di poi, quindi con lo sguardo e la consapevolezza di oggi. Riesci a riconoscerle, a vedere all’interno del passato e della vostra storia che c’erano dei sospetti diciamo, questa sua tendenza a chiudersi? Cercare di riuscire a vedere questa cosa e un po’ quindi di ripulire il filtro dell’innamoramento dei primi tempi, può essere d’aiuto anche per te, per capire di più effettivamente quello che stavate vivendo e se è un qualcosa di momentaneo o un qualcosa che più gli appartiene .

Con questo ti saluto e vi auguro il meglio! Facci sapere poi com’è andata, come si svolgono le cose, noi facciamo il tifo per voi!

A presto da me e da tutto il Team Briicks!

_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *