×
/ Briicks Risponde / Soffro di analfabetismo emotivo, come sbloccarmi?

Soffro di analfabetismo emotivo, come sbloccarmi?

Rispondiamo ad una richiesta anonima che ci ha contattati scrivendoci: soffro di questo “disturbo”, l’analfabetismo emotivo, la mancanza di parola per esprimere emozioni. questo comporta l’incapacità sia di riconoscere sia di descrivere verbalmente i propri stati emotivi e quelli altrui. Spesso me la prendo per niente o do per scontate cose. Ci stiamo lavorando molto, ma nella sfera sessuale non va. Lui aspetta che io dico o faccio qualcosa per dare il via, ma non riesco, ci sto male. Ogni volta ne riparliamo ma poi dopo qualche mese sembra che lui si dimentichi di questa cosa. Siamo molto fisici, nel senso che stiamo sempre abbracciati, io o bisogno di contatto. Suggerimenti per sbloccarmi? o forse suggerimenti per parlare con lui?

Se vuoi che rispondiamo a una tua richiesta, scrivici qui:

Se non ti è possibile guardare il video, ti lasciamo anche la trascrizione della nostra risposta in video.

 

Presentazioni: parla Marco.

Ciao, qui Marco di Briicks, un progetto per aiutare le coppie ad essere felici insieme. Oggi sono qui per rispondere a un nuovo messaggio ricevuto nella rubrica Briicks Risponde, la rubrica che teniamo io e la psicologa psicoterapeuta Agnese Lombardi in cui rispondiamo a quelle che sono le domande delle coppie in difficoltà e che ci vogliono presentare le loro situazioni, ciò che stanno vivendo. La richiesta di oggi è anonima e noi rispetteremo il suo desiderio. Ci è stata presentata un po’ questa situazione particolare e molto categorica: lei infatti si è definita “analfabeta affettiva” cioè non riesce a vivere le emozioni, è sempre molto discontinua e anche nella sessualità stanno facendo fatica, c’è infatti anche questa discontinuità nel vivere bene la sessualità. Lei vorrebbe un aiuto per capire un po’ di più come gestire e migliorare questa situazione!

L’importanza di non auto-incasellarci in definizioni ingabbianti.

Grazie cara amica per averci scritto e condiviso questa situazione, probabilmente è la situazione che vivono anche altre persone, non credere di essere l’unica, questo perché le emozioni sono davvero un qualcosa di difficile da per capire e vivere! Per esempio: nello stesso momento possiamo provare gioia e tristezza, questa cosa è normale, è un po come quando si hanno i brividi e si prova sia caldo che freddo in contemporanea! è una cosa strana però, non sempre è facile definire e andare a circoscrivere ogni emozione, quindi non ti sentire da sola, soprattutto il primo consiglio che ti dò è: prova a non incasellarti e non ingabbiarti. Nel momento in cui tu ti definisci, non ti dai uno spazio per essere diversa da quello che stai dicendo: cioè, ti definisci e dici “io sono analfabeta affettiva”, non ti dai quello spazio necessario per essere diversa da questo. Se invece tu incominciassi a dire: “sì, io sono brava con le emozioni” magari ti stride dentro, è un qualcosa che non ti funziona, che ti stona, però poi procede gradualmente “io sono brava con le emozioni perché quella volta ho saputo gestirla bene..”.

Il dialogo interiore: lo spazio per essere diversi!

Questa cosa è un dialogo interiore che puoi costruire dentro di te, che rafforza prima di tutto quello che è il tuo rapporto con le emozioni e poi soprattutto ti concede uno spazio per essere diversa, per essere brava in questo.

Una cosa che può poi sicuramente aiutare è studiare: ti consiglio sicuramente il film Upside, credo che si chiami così, perdonatemi tutti patiti della Disney se il titolo non è esatto, al massimo lo correggeremo e lo metteremo nei link e poi, soprattutto, anche il libro Atlante delle emozioni che ho trovato particolarmente interessante perché va a schematizzare quelli che sono tutti quanti i tipi di emozione nelle sfumature, soprattutto perché non sempre tutto quanto è così netto e quindi evidente.  Quindi passare anche dalla parte di studio, dalla parte un po’ più intellettiva e di conoscenza, sicuramente può essere vantaggioso!

Un piacevole allenamento.

Ti riporto infine sulla sessualità alcuni spunti che possono essere interessanti e che sono usciti dal webinar sulla sessualità tenuto dalla consulente sessuale Nicoletta Oreglia Musso. Credo che sia interessante e se riesci a registrati riguarda il webinar perché ci sono appunto dei bei  spunti che spiazzano molto all’interno di quelli che sono i pensieri comuni sulla sessualità. Prima di tutto che la sessualità non è un qualcosa di automatico, immediato, i film ce lo presentano così, ma nella realtà invece è faticoso imparare a fare l’amore bene, quindi, nel momento in cui proviamo questa fatica ci sentiamo sbagliati. Riconosciamo che è per tutti quanti faticoso fare bene l’amore, si tratta di allenamento e quindi di una fatica che è una bella fatica perché non è un qualcosa di alienante, ma un qualcosa di bello che unisce la relazione di coppia. Riconosciamo questo e capiamo che quello che stiamo vivendo non è assurdo ma è normale.

La stessa cosa che riguarda questo, la sessualità, è che la quantità va a braccetto con la qualità: cioè il fatto di fare avere rapporti occasionali, diciamo pochi rapporti al mese, non aiuta a diventare bravi, a creare affinità e una capacità di relazionarsi bene anche a livello sessuale. Quindi, anche in questo veramente il consiglio è quello di non fermarsi di fronte a un piccolo fallimento, ma dedicare del tempo a questo, aprirsi e dedicare spazio all’incontro dei corpi nel fare l’amore.

Agnese suggerisce e consiglia.

Ciao a tutti e ciao amica che ci hai scritto a Briicks Risponde! Ti definisci un’ analfabeta emotiva: allora il mio primo consiglio è quello di rivolgersi a un professionista, un vero maestro delle emozioni: uno psicoterapeuta. Se non l’hai già fatto cerca uno psicoterapeuta e vedrai che ti saprà aiutare nell’insegnamento e nell’apprendimento e quindi nel saper riconoscere e parlare delle tue emozioni. Da soli diventa davvero più faticoso!

Il secondo consiglio che ti do è di non guardare ai tuoi rapporti sessuali col tuo fidanzato in questo momento, perché, per riuscire ad avere una buona sessualità nella coppia è fondamentale creare intimità e l’intimità si crea nel momento in cui si ha una buona comunicazione emotiva.

Intimità emotiva e poi sessuale.

Se in questo momento state lavorando sulle vostre emozioni, sulle tue emozioni, sul tuo modo di comunicarle, una cosa per volta! Altrimenti diventa davvero frustrante non riuscire in nessuno di questi due aspetti: concentratevi sul riuscire bene nella comunicazione emotiva, dopodiché vedrai che una volta che sarete migliorati in questo aspetto, migliorerà anche l’intesa e l’intimità sessuale, perché senza un’intimità prima di tutto emotiva è difficile avere un intimità anche sessuale.

Ti consiglio anch’io comunque di guardare il webinar di Nicoletta perché è davvero utile e sa dare dei consigli pratici, guardando alla sessualità non nel modo in cui siamo abituati normalmente a sentirne parlare.

Detto questo ti saluto, ciao a te e a tutti!

Ti auguro davvero di diventare laureata in emozioni e che davvero tu riesca a liberarti da questa immagine di te e di negazione rispetto alle emozioni da vivere appieno in tutta la loro bellezza!

Un saluto da me e da tutto quanto il Team Briicks!

_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *