×
/ Briicks Risponde / Relazione in crisi da anni, come recuperare?

Relazione in crisi da anni, come recuperare?

Briicks Risponde aValentina che ci ha contattati scrivendoci:  

“La nostra relazione è in crisi da un paio di anni, non ci capiamo più, non riusciamo a comunicare senza litigare e il sesso è del tutto inesistente.
Vorrei avere dei consigli su come affrontare questa situazione e su come cercare di recuperare il nostro rapporto. Grazie.”

Se vuoi che rispondiamo ad una tua richiesta, scrivici qui.

Iniziamo presentandoci!

Ciao a tutti qui marco di briicks con un nuovo episodio di briicks risponde, la rubrica in cui io e la psicologa psicoterapeuta agnese lombardi rispondiamo alle persone che ci chiedono un piccolo aiuto concreto, uno sguardo che diamo rispetto a delle situazioni che ci vengono sottoposte.

Ovviamente non può essere un aiuto risolutivo, non abbiamo questa pretesa, però a volte un piccolo consiglio, uno sguardo diverso da quello che si è soliti avere, può innescare un cambiamento positivo e quindi siamo qui oggi a rispondere a Valentina che è stata molto sintetica però anche molto esaustiva. Ci dice che sono in crisi da circa due anni, non si capiscono più, non riescono più a comunicare senza litigare e anche il sesso è diventato inesistente.

Vorrebbe dei consigli su come affrontare questa situazione per cercare di recuperare il loro rapporto.

Inizia Agnese

Bene, il sesso è alla fine di un’escalation di mancanza di comunicazione, se quindi il dialogo si interrompe, si interrompe anche un po’ il dialogo dei corpi perché la comunicazione è fondamentale per creare un intimità che poi sfocia appunto nel rapporto sessuale, nel fare l’amore con il nostro lui o la nostra lei.

Il primo consiglio che mi viene da darti per affrontare un po’ questa situazione che state vivendo è quello di prendervi del tempo per ritrovare e riscoprire il dialogo. Spesso i preti nelle omelie dei matrimoni danno questo consiglio: non andare mai a dormire senza aver prima fatto la pace.

Questo è fondamentale. Non lasciare che un litigio o uno scontro o appunto una discussione, passi senza essersi chiesti scusa, senza essersi perdonati, senza essere arrivati un po a ricucire lo strappo che può essersi creato.

Ritagliarsi del tempo

il secondo punto è riuscire a ritagliarvi dei tempi che siano un po’ per voi e quindi darvi degli appuntamenti, ritrovare il dialogo che sia qualcosa che va oltre litigio, cioè non possiamo parlarci solo per litigare perché abbiamo bisogno di sentirci amato dall’altro e il litigio è l’ultimo modo e quindi prendetevi un po’ del tempo per voi, per amarvi e se tutto questo è complesso e complicato e non riuscite a farlo allora il mio suggerimento è quello di provare a cercare un aiuto da un professionista, un aiuto esterno che possa aiutarvi un po’ a a mediare.

Marco aggiunge un paio di cose

La prima è quello di cercare di capire qual è il perché che vi spinge a litigare, cioè il litigio lo consideriamo come una modalità di comunicazione conflittuale quindi è bene all’interno di una coppia litigare perché è un modo di risolvere i problemi; ma quando si litiga spesso lo si fa in modo negativo e quindi si fa uscire la parte peggiore di sé.

Opportuno è andare un po’ in profondità e capire qual è il perché, qual è quella cosa che accomuna tutti quanti i litigi e cioè che cosa ci sta dietro, una mancanza di fiducia nell’altro, ci sta non sentirsi riconosciuti, ci sta che le idee dell’altro non riusciamo proprio a condividerle e questa cosa ci infastidisce tantissimo? Riuscire a entrare a capire che c’è questa motivazione e di lì approfondisci fino ad arrivare a tre quattro livelli di perché.

In ultimo veramente c’è una cosa importante per tutte le per le coppie che non riescono più a stare insieme e a vivere una complicità di coppia e questa cosa di non sentirsi amati dall’altro.

Ci sta che all’inizio l’amore venga innescato da un innamoramento da un sentimento ma poi l’amore passa, diventa un amore maturo, un amore che è una scelta, quindi io scelgo te e lo faccio perché ti voglio bene, voglio il tuo bene e anche se ci sono dei momenti di difficoltà io cerco di donarti la mia parte migliore per far sì che tu ti senta amato.

Se entrambi all’interno della reazione riusciamo a vivere questo atteggiamento, si crea un circolo estremamente positivo.

Perché ti senti amato e questo sentirsi amato ti fa diventare ricettivo e a tua volta ti viene voglia di comunicare, di dialogare, di costruire e mettere energie in questa mole. è chiaro che questo è un processo comune e che è una cosa molto semplice ma allo stesso tempo è anche faticosa, quindi non stiamo dicendo che è scontata ma cerca di capire come puoi far sentire amato il tuo compagno e di lì innesca questo circolo virtuoso e positivo.

E con questo ti salutiamo e vi auguriamo un buon percorso, ciao da tutti noi di Briicks

_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *