×
/ Briicks Risponde / Non vuole uscire e manca qualcosa nell’intimità

Non vuole uscire e manca qualcosa nell’intimità

Briicks Risponde a Fabio! Ecco la sintesi della sua richiesta:
Ciao, vorrei qualche consiglio riguardo me e mia moglie. Lei non vuole mai uscire, rimaniamo sempre a casa e i rapporti sessuali si giocano mei 5 minuti, tempo di godere entrambi e poi non vuole più essere toccata…Vorrei portarla a fare trasgressioni fuori casa, cosa mi consigliate di fare?

Se vuoi che rispondiamo ad una tua richiesta, scrivici qui.

Se non ti è possibile guardare il video, ti lasciamo anche la trascrizione della nostra risposta in video.

Iniziamo con le presentazioni!

Ciao a tutti e benvenuti in questo nuovo episodio di Briicks Risponde, la rubrica che io, Marco di Briicks, insieme alla psicologa psicoterapeuta Agnese Lombardi, teniamo per aiutare le coppie che ci contattano e ci chiedono di avere un confronto, uno sguardo un punto di vista differente sulla propria relazione.

A volte basta questo piccolo confronto per riuscire a cambiare una situazione perchè è difficile innescare un meccanismo positivo e quindi siamo con ben contenti di rispondere a chi ci scrive.

Oggi rispondiamo alla richiesta di Fabio che ci ha contattato e ci ha richiesto un confronto su questo tema: ci dice che la sessualità all’interno della relazione di coppia con sua moglie è difficile perché vivono l’intimità per 5 minuti, tempo di arrivare a godere e poi tutto quanto finisce e lei non vuole essere toccata.

Soprattutto lei vuole restare in casa e non vuole fare altro, mentre lui in qualche maniera è in cerca un po’ di trasgressione.

Allora Fabio, grazie per averci scritto e scusa tra l’altro per il ritardo nel darti la risposta, purtroppo in questo periodo siamo veramente molto presi con il progetto del lancio del nuovo prodotto per le coppie con figli e quindi questo ci ha un po’ rallentati, però ci siamo, e questa è la cosa importante.

Uscire un po’ dai propri binari.

La prima cosa che mi viene da chiederti è che cosa vuol dire trasgressione? è un termine molto particolare che però può avere tantissimi tantissime sfaccettature e anche un po’ di ambiguità, nel senso che per qualcuno la trasgressione può essere fare delle cose pazzesche, incredibili, proprio fuori dal normale, per altri trasgressione vuol dire uscire leggermente fuori dai binari dai propri soliti schemi.

Quindi questo in qualche maniera deve essere chiarito, ovviamente non dev’essere chiarito con noi ma devi essere sicuro che con la tua compagna questa cosa sia ben chiara. Che cosa intendi tu per trasgressione e che cosa lei intende per trasgressione, perché se magari vuole rimanere sempre a casa come ti dice, per lei la trasgressione potrebbe essere andare a buttare la spazzatura.

Sto esagerando ovviamente, però potrebbe essere già questo.

La seconda cosa riguarda proprio un po’ quello di andare a capire che cos’è che spinge tua moglie a voler rimanere a casa. Anche qui mi permetto di fare un piccolo esempio, da prendere con le pinze, però credo che possa rendere l’idea.

Magari tua moglie è molto scossa da questo momento storico, dal fatto che in giro ci sia la possibilità di rimanere contagiati dal virus; è una possibilità, quindi è chiaro che non è che ci si che si vada a buttare in un luogo affollato, però già solo l’idea di uscire di casa le muove delle cose dentro.

Contestualizzare e trovare la motivazione:

Ok questo è un esempio, chiaro che per tua moglie non sarà così, però andare a contestualizzare e capire qual è la motivazione che la spinge a rimanere a casa.

Ha il bisogno di stare ferma? Bisogno di sicurezza? Un bisogno di certezze, di rassicurazione, di calore?

Possono essere mille le motivazioni, però è importante che tu capisca quale o quali sono le motivazioni che la spingono a rimanere attaccata al nido e capendolo riuscirai sicuramente ad entrare un po’ di più nelle sue corde e anche a trovare uno spazio per andare a capire che si possono avere delle dinamiche differenti e ottenere lo stesso risultato.

Se ad esempio vuole essere al sicuro, caspita, può essere al sicuro anche fuori, ci sono io che ti proteggo e che mi prendo quella di te!

Riuscire ad approfondire questo spazio sicuramente per te Fabio sarà molto molto prezioso.

Quando nasce l’intimità?

In ultimo il consiglio che mi viene da darti è quello di ampliare un po’ quella che l’idea dell’intimità e della sessualità: purtroppo siamo molto abituati a pensare che lo spazio dell’intimità e della sessualità nasca nel momento in cui ci troviamo nudi e quindi siamo uno di fronte all’altro senza vestiti.

Nel preciso istante in cui parte il fare l’amore.

Purtroppo questo scenario ci condiziona tantissimo e ci perdiamo una parte che è preziosa ma è fondamentale anche proprio per creare la quantità e la qualità di cui tu ci stai in qualche maniera condividendo.

Si parte a fare l’amore da prima dei preliminari, ma anche da prima di guardarci vestiti!

Si parte proprio dal far sentire l’altro amato, far sentire l’altro desiderato e che l’altro è importante, che è unico al mondo!

Nel momento in cui io riesco a fare sentire mia moglie così, ecco lì nasce il desiderio di una comunione che non è soltanto dell’animo, non è soltanto dei pensieri, ma diventa anche dei corpi che vogliono essere davvero una cosa sola.

Allora fare l’amore non diventa più soltanto un due corpi che si uniscono e fanno un po’ di ginnastica e dopo 5 minuti si è risolto perché abbiamo goduto, ma è proprio una sorta di danza, un cercare di avvicinarsi ed allontanarsi, un desiderio proprio di intimità e di diventare una cosa sola e quindi è chiaro che quei cinque minuti divengono molto di più perché migliora sia l’esperienza in sé, che diventa qualità, e con la qualità diventa anche più quantità e quindi va nella direzione che il tuo cuore in questo momento sta desiderando.

La parola alla psicologa Agnese Lombardi:

Io appunto mi aggancio a quest’ultimo aspetto di cui ti parlava Marco proprio per sottolineare l’importanza che ha l’intimità rispetto appunto al rapporto sessuale.

Soprattutto per le donne avere un intimità che è anche emotiva è fondamentale per riuscire ad aprirsi completamente durante i rapporti sessuali.

Riuscire a sentirsi completamente a proprio agio nel liberare le proprie fantasie, fantasie che non per forza devono essere comunicate durante l’atto ma di cui si può e si deve parlare anche prima.

L’intimità appunto è fatta di tenerezza ed è fatta di comunicazione: laddove c’è un canale comunicativo aperto,  un canale emotivo aperto allora diventa anche più semplice lasciarsi andare e riuscire a comunicare ciò che ci piace e ciò che non ci piace.

Di questo parla anche molto Nicoletta Musso Oreglia che appunto all’interno di Briicks ha proposto un bel percorso per le coppie rispetto alla sessualità che si chiama Accendi il Desiderio, se sei interessato ti consiglierei di andare ad approfondire questi aspetti attraverso questo corso.

Bene, allora con questo è tutto e ti salutiamo e veramente ti auguriamo di trovare un pò quello che stai cercando e di migliorare questi aspetti che ci hai condiviso.

Ti salutiamo e speriamo di avere presto tue buone e nuove notizie.

A presto da noi e da tutto il team Briicks!

Ciao ciao

 

_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *