×
/ Briicks Risponde / Non siamo d’accordo sulla data del matrimonio

Non siamo d’accordo sulla data del matrimonio

Briicks Risponde a una richiesta anonima! Ecco la sintesi della sua richiesta:

Dopo quasi 8 anni insieme, avremmo dovuto sposarci il 1 giugno 2020 ma il Covid ce lo ha impedito. Io avrei voluto rimandare all’autunno, lui si sente più sicuro a spostare al 2021. Mi sento insicura perché ho l’impressione che così in qualche modo la razionalità prevalga sull’emozione, che la sicurezza di una cerimonia perfetta sia più importante di dire a noi stessi e al mondo “ci apparteniamo”. Come fare capire a lui che vorrei un gesto che mi rassicuri e mi chiarisca una volta per tutte che lui ci tiene davvero a sposarmi e non solo a dare una bella festa?

Se vuoi che rispondiamo a una tua richiesta, scrivici qui:

 

Se non riesci a vedere il filmato ecco la trascrizione di quanto abbiamo detto:

 

Marco fa le presentazioni:

Ciao, qui Marco per un nuovo appuntamento di Briicks Risponde, la rubrica tenuta da me e dalla psicologa psicoterapeuta Agnese lombardi in cui rispondiamo a quelle che sono le richieste, le situazioni presentate dalle coppie che stanno vivendo un po’ di difficoltà. Un piccolo confronto che può essere magari un aiuto per uno spunto di crescita di coppia che è proprio quello di cui si occupa Briicks.

Oggi rispondiamo ad una richiesta anonima che ci propone questa situazione: dovevano sposarsi prima di giugno ma il loro matrimonio è saltato e ora si trovano un po’ in difficoltà; soprattutto non sono in sintonia sulla scelta da prendere perché lui vorrebbe rimandare al prossimo anno, lei invece dice di rimandare all’autunno e questo voler posticipare la festa troppo in là perché tutto sia perfetto probabilmente viene percepito da lei come un qualcosa di un po’ troppo razionale nel voler avere tutte quante le cose esattamente uguali a prima.

 

Situazione comune e futuro imprevedibile.

Cara amica e cari amici che ci avete scritto presentandoci questa situazione,  quello che vogliamo dirvi prima di tutto è che davvero ci sono tante coppie che sono nella vostra situazione, una situazione di incertezza! Bisogna riuscire un po’ a capire effettivamente quali sono le priorità. Soprattutto voi vi siete posti di fronte a un bivio in cui sembra che non ci sia nessuna soluzione in mezzo tra il fare a settembre o il fare il prossimo anno. Il punto è un po’ questo: non sappiamo assolutamente quello che capiterà, ci auguriamo che tutto quanto rientri e la situazione si risolva, ma non è detto che il prossimo anno non saremo di nuovo ad affrontare una crisi pari a questa perché poter controllare questo virus e quello che sta creando: i problemi, le morti e il dissesto che sta creando non è affatto semplice. Lo vediamo per esempio da noi: la situazione in Piemonte è paradossale perché dopo tutto quello che è stato fatto di contenimento e di isolamento, nonostante questo, continua a esserci diffusione di questo virus.

Tutto questo per dire che non è sicuro che rimandare la festa al prossimo anno sia per forza di cose una buona scelta perché il prossimo anno eventualmente potreste trovarvi sempre in difficoltà e allora qual è la scelta? Dover per forza affrettare le cose o di nuovo essere nell’ incertezza perché non sappiamo effettivamente quello che capiterà a settembre, se la situazione sarà già pronta per poter aggregare tante persone,  i vostri cari che voi vorreste insieme a voi quel giorno?

La terza via!

Mi viene in mente di suggerirvi di trovare una terza via, una terza soluzione in cui probabilmente si riesce a far funzionare le esigenze di tutti e due: la tua esigenza di sposa che è quella, di fronte a queste difficoltà, a questa incertezza, avere un punto fermo, è questa: forse la cosa più importante del matrimonio che non è in sé la festa (che è un momento importante, ci mancherebbe) ma il fatto di convolare a nozze, di essere sposi dopo tanti anni di convivenza è un fatto che in qualche maniera svolta nella mostra relazione in cui sentite il desiderio di mettere un punto fermo, un sì e non un sì detto tra di voi, di nascosto, ma in pubblico, che vi fa impegnare e di fronte al quale ci sono dei testimoni, delle persone che possono dire: io c’ero, ci sono stato e ho partecipato a questa festa, a questo momento importante per tutti quanti.

Un desiderio di fermezza!

Questo desiderio di fermezza in qualche maniera deve essere corrisposto, dovete trovare un modo per riuscire a mettere un punto fermo a questo, allo stesso tempo c’è il desiderio di questa festa che sia una festa grande, come l’avete sempre sognate, come in qualche maniera sperate che possa ancora essere. Forse questi due momenti possono e dovrebbero essere disgiunti perché il desiderio di questo sì, di un punto fermo, e oltretutto adesso la festa purtroppo non è possibile gestirla, quindi, o tirate la coperta dalla parte della festa e quindi decidete di fare una cosa veramente tra pochi intimi, eventualmente una cosa molto originale e diversa ovviamente da quello che avete sempre sognato, oppure rimandate la festa.

Il valore legale del matrimonio.

Però è importante capire che ci può essere un momento del sì, cioè in cui consacrate il vostro matrimonio e quindi vivete insieme la celebrazione delle vostre nozze, e poi la festa, che probabilmente potete organizzare nel momento in cui le condizioni lo permetteranno. C’è un altro aspetto che credo che sia interessante e importante. il valore legale del matrimonio: io penso a tutte quelle coppie che si erano appena conosciute o che non vivevano sotto lo stesso tetto e che, per causa dei decreti, si sono visti impossibilitati nel vedersi. Questa situazione ovviamente non vi corrisponde, però il fatto di essere sposi, essere famiglia, in qualche maniera vi garantisce dei diritti in più. Ovviamente non voglio entrare in quelle che sono situazioni più drammatiche, però è anche importante pensarci, che un conto è il valore legale dell’essere conviventi, un altra cosa è invece essere sposi, essere famiglia e quindi poter decidere anche di quello che capita proprio come nucleo familiare.

La voce e il pensiero di Agnese, le differenze arricchenti!

Ciao a tutti e ciao amica che ci hai scritto. Concordo assolutamente con quello che ti ha consigliato Marco e oltre a quello che ti ha detto lui, mi viene da aggiungere quest’altra prospettiva: mi sembra che tu il tuo fidanzato siete portatori di due modalità diverse di vedere una stessa situazione e che, probabilmente, questa è una modalità che si ripete non solo in questa scelta che state facendo adesso, ma anche si sarà svelata in altri momenti, in altre difficoltà, in altre scelte in qualche modo anche un po’ di crisi. Ecco, quello che mi viene da dire è che avete due modalità diverse di vedere la stessa cosa: quindi una modalità un po’ più emotiva la tua e una modalità un po’ più razionale quella del tuo fidanzato. Queste sono proprio l’esempio di come la differenza può essere, all’interno della coppia,  arricchente.

Farsi contagiare dal punto di vista dell’altro per fare insieme la differenza.

Trovare un compromesso non è semplice quando si è così diversi ma se ci si lascia contagiare, se ci si lascia un po’ spostare, dal proprio punto di vista e dal proprio modo di vedere per fare le cose più verso quello dell’altro, eccola lì la differenza  che diventa una ricchezza! Quello che ti auguro è che riusciate in qualche modo a far diventare ricchezze le vostre differenze e in questo mondo non solo risolvere una questione come per l’appunto quella della scelta di quando sposarvi, ma riuscire a vedere in maniera diversa ogni scelta e anche in generale riuscire a cambiare il vostro punto di vista arricchendolo con quello dell’altro!

Ciao buon matrimonio in ogni caso e ciao a tutti!

Con questo vi salutiamo e vi auguriamo davvero un matrimonio straordinario e che sia prima di tutto il matrimonio di vostri cuori, del vostro incontro, per andare a annunciare a tutti il vostro amore e il vostro sì, il vostro desiderio di essere famiglia.

Vi saluto da parte mia e da tutto il team Briicks, a presto!

_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *