×
/ Briicks Risponde / Non ha mai detto a nessuno di me, come mai?

Non ha mai detto a nessuno di me, come mai?

Briicks Risponde ad una richiesta anonima! Ecco la sintesi della sua richiesta:

La situazione era: io 38 anni ed abito a Ravenna, lei 35 che abita a Ravenna ma modenese; io poche relazioni serie e durature (lei è la terza) lei è uscita ad inizio anno da una convivenza. Stando tutti e due soli in pratica si è arrivati a una sorta di convivenza dopo una 20ina di gg dalla conoscenza e siamo arrivati a 9 mesi. Lei a Ravenna è entrata nel mio mondo ma mi ha sbarrato il suo a Modena. Non ha detto a nessuno della mia esistenza, non sono mai stato presentato a nessuno (amici; parenti). Neanche mi ha mai portato a vedere la sua città da soli.. io non ho sopportato questo, come definizione di coppia intendo anche la condivisione dei propri mondi e sfere e il tenermi nascosto dopo un po’ di tempo mi fa male da un po’. Se ne è parlato , riparlato, riparlato ma comunque lei non accenna a cedere.. neanche presentandomi come amico. Io penso e le ho parlato anche di questo che non sono abbastanza, quindi questa situazione mina le mie certezze e non mi dà modo di vivere la relazione a pieno sentendomi anche accettato/amato. La cosa che mi tormenta è non capire se è un insicurezza mia o una visione disfunzionale della coppia o c è altro ? Io vedo comunque tutte le coppie che condividono molte cose, non c è una presenza sempre.. ma io ripeto nel suo mondo non sono contemplato. Se mi può rispondere, la relazione con questa persona non può ripartire, ma vorrei sapere se ho perso una persona per me importante per un corto circuito mio o perché comunque la cosa non doveva andare. Grazie infinitamente.

Se vuoi che rispondiamo ad una tua richiesta, scrivici qui.

Ci presentiamo!

Ciao a tutti, qui Marco di Briicks insieme alla psicologa-psicoterapeuta Agnese Lombardi per un nuovo Briicks Risponde, la rubrica che teniamo in briicks per aiutare tutte le coppie, tutti gli amici che ci contattano, ci scrivono e ci chiedono un piccolo aiuto, un piccolo confronto sulla loro vita.

Spesso ci scrivete in chat chiedendo supporto, noi non riusciamo a darvelo in chat perché dobbiamo entrare molto in profondità e allora vi rimandiamo a questi momenti e per questo vi chiediamo di spiegarci un po’ più nei dettagli la situazione e poi rispondiamo con un video dedicandovi il tempo che serve. Ci sono tante persone che vendendo questo filmato potranno trarre degli spunti, dei benefici ed è questo il motivo per cui le risposte che diamo non sono private e personali ma sono pubbliche.

Presentiamo anche la situazione

Leggiamo un po’ la situazione e cerchiamo di giungere a quello che davvero c’è tra le righe, non è che siamo un oracolo però a volte avere uno sguardo differente da quello che solitamente si vede ogni giorno può essere di grande aiuto! Questo ragazzo ci ha scritto direttamente nella chat, noi chiediamo sempre in qualche maniera di utilizzare la pagina apposita del Briicks Risponde perché c’è questo schema e in questo schema abbiamo più informazioni in cui possiamo dare una risposta più completa.

In questo caso la domanda che ci fa’ questo nostro amico è un po’ questa, cioè se questo fallimento è frutto di una disfunzionalità affettiva, se sono problemi suoi, oppure se semplicemente era la relazione che non funzionava.

Grazie per averci scritto tanti dettagli, questo ci aiuta sempre perché così riusciamo a dare una risposta su delle cose oggettive non su delle supposizioni che facciamo noi.

Poca libertà di partenza.

La prima cosa che viene fuori leggendo la vostra storia è questa: vi siete dati poco spazio di libertà.

Prima di ritrovarsi a convivere solitamente è importante passare del tempo insieme e poi scegliere di andare a convivere. Quello che invece vi è capitato è che vi siete trovati a convivere, cioè, questa relazione è diventata un “ok, viviamo insieme” cambia però tantissimo il modo di approcciare una relazione e di fronte a questa scegliere, proporre, decidere di andare a convivere insieme ed è molto più facile prendersi uno spazio di libertà per poter valutare l’altro e capire se l’altro è la persona giusta per te.

Questo in qualche maniera ha messo un po’ in difficoltà la situazione.

Darsi il tempo di elaborare la fine di una relazione.

Forse c’è da aggiungere anche questa cosa, la tua ex fidanzata usciva da un rapporto di convivenza. Questo probabilmente non ha aiutato! Quando una relazione finisce si vive in qualche maniera il lutto di quella relazione che è morta. Ecco questo lutto è da elaborare. Probabilmente, mi viene da pensare, questa cosa non è stata fatta.

Ci chiedi se è disfunzionale il tuo modo di vivere le relazioni, mi sento di dire proprio apertamente, assolutamente, no! Il desiderio di vivere e condividere insieme delle cose è innato in tutti gli innamorati, in tutte le persone che si amano.

L’amore non è ideale ma concretezza quotidiana.

Questo amore che nasce tra due persone non è ideale ma è la condivisione della concretezza di tutti i giorni: un vivere insieme e condividere gli amici, condividere le passioni. Quindi questo desiderio che avevi di condividere la tua vita e di conoscere gli amici della tua ex fidanzata era proprio una cosa molto naturale, anzi, fondante per un amore solido e appassionato!

L’altro aspetto sempre rispetto questo è che l’amore non ha proprio nulla da nascondere, quindi se probabilmente la tua fidanzata non era pronta per presentarti ai suoi amici, probabilmente era colpa di quella relazione, era colpa sua e del fatto che non si sentiva pronta per dare-donare.

L’amore non nasconde nulla!

L’amore non nasconde nulla, tant’è che il matrimonio non è un qualcosa che capita in segreto tra due innamorati che si sposano ma è un impegno pubblico davanti agli altri, perché di fronte a tutte le persone che si conoscono, che ci sono, ci si impegna; è proprio anche un fatto pubblico, un fatto della comunità che conosce quella coppia, ed è un impegno degli sposi nel dire di fronte a tutti, a dichiarare a tutti quello che è il loro amore, il loro intento. Infine non è che tutti gli approcci, tutte le relazioni che nascono sono destinate a sfociare in una relazione che funziona e duratura, c’è sempre un avvicinarsi, un annusarsi, un conoscersi e poi di fronte al conoscersi deve scattare una molla che è quella dello scegliersi.

Chiaro è che serve il giusto spazio di libertà, più uno riesce ad essere libero, più uno riesce a preservarsi e a far sì che non ci sia tanto tempo dedicato poi alla sofferenza. Perché lasciarsi e quindi far morire una relazione dopo tanti anni che si è stati insieme, o dopo un rapporto molto intenso e ingombrante è molto più difficile, mentre riuscirà a prendersi i propri tempi all’inizio per respirare e conoscere l’altro per quello che, è decisamente più funzionale come approccio. Con questo passo la parola alla psicologa Agnese Lombardi.

Un’ulteriore analisi.

Sì, io sinceramente non ho molto da aggiungere rispetto a quello che ti diceva Marco.

Condivido assolutamente con lui l’analisi che ha fatto un po’ della vostra storia, delle scelte a volte un po’ affrettate che sono state fatte rispetto alla convivenza e all’importanza di prendersi magari un tempo prima di maggiore conoscenza e anche di confronto sulle aspettative reciproche. Se lei comunque ti ha tenuto lontano dal suo mondo forse non sentiva il bisogno di aprirsi fino in fondo con te rispetto a quella che è la sua intimità e quindi è naturale che in qualche modo sia stata una storia che purtroppo è andata a esaurirsi.

L’importanza di aprirsi all’altro.

Bisogna essere capace di aprirsi all’altro, di aprire il proprio modo di conoscersi reciprocamente fino in fondo, se no non si costruisce sicuramente un’ intimità e sono d’accordo con Marco nel voler rassicurati sul fatto che non c’è una disfunzionalità tua, non c’è un errore nella visione della cose da parte tua, anzi, richiederle di aprirsi e di mostrarti un po’ di più quello che lei era, mi sembra una richiesta più che legittima per una relazione che vuole andare a fondo e non fermarsi alla superficie del tenersi compagnia, di passare semplicemente del tempo insieme.

Probabilmente erano solo diverse le aspettative nei confronti di questa relazione, della profondità che avrebbe dovuto avere.

Con questo ti salutiamo, ti auguriamo buona ripresa e buon cammino nell’incontrare la persona che sarà per te! Un abbraccio da me, Agnese e da tutto il Team Briicks, ciao!

_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *