×
/ Briicks Risponde / Mia madre vuole separarci: cosa fare?

Mia madre vuole separarci: cosa fare?

Briicks Risponde ad una richiesta anonima di una ragazza che ci ha contattati.

Se vuoi che rispondiamo ad una tua richiesta, scrivici qui.

Se non ti è possibile guardare il video, ti lasciamo anche la trascrizione, minuto per minuto, della nostra risposta in video.

Presentiamoci!

Ciao a tutti, qui marco e agnese di briicks; siamo qui per la rubrica briicks risponde che è una rubrica che teniamo per tutti quelli che ci scrivono e che hanno bisogno di qualche piccolo confronto riguardo a quello che vivono all’interno della loro coppia. Questo non è un supporto psicologico ma è un confronto tra amici quindi voi scrivete e noi diamo qualche piccolo consiglio!

Io sono marco e lei è agnese lombardi psicologa e psicoterapeuta. Oggi risponiamo ad una ragazza che ci chiede di rimanere anonima e che ringraziamo per aver scritto così tanti dettagli perché questo ci ha dato davvero la possibilità di entrare in profondità e capire quali sono un po’ i nodi di questa situazione.

Per riservatezza nel tuo caso non riportiamo lo scritto all’interno del video, però lo riassumiamo in maniera molto sintetica.

Presentiamo la situazione:

Lei è andata a convivere con il suo fidanzato e hanno un bimbo, la situazione è difficile perché la mamma di questa ragazza è venuta fuori dicendo che l’aveva abbandonata, che non aveva chiesto il permesso per andarsene di casa, che era troppo presto, e ha fatto anche un po’ di cose scorrette tipo parlare tra i genitori di lui e dire che lui aveva fatto delle piccole violenze, tutte cose che non erano vere e quindi lei ci chiede che cosa fare in questa situazione. Anche perché la coppia viene sollecitata da tutte queste dinamiche che sono pesanti e che mirano un po’ il rapporto.

La prima cosa che mi è venuta in mente leggendo la tua storia è un detto che diciamo tutti: gli amici li scegli, i parenti no e questa è un po la sintesi.

Ti ritrovi ad avere una mamma che è prudente, vorresti anche che fosse differente perché è molto invadente all’interno del vostro rapporto, però tu questa relazione non l’hai scelta almeno non direttamente, allo stesso tempo però sei anche molto brava e quindi ti facciamo i complimenti, a riconoscere che in qualche maniera tua mamma sta riportando delle dinamiche che ha vissuto e che sta proiettando su di te.

Quindi nelle sue ferite, ferite che probabilmente non è riuscita di sanare, a risolvere, stanno venendo un po’ fuori.

Una dinamica soffocante:

è bene che tu questa cosa la riconosca però allo stesso tempo diventa un po’ soffocante questa dinamica perché al posto di dare respiro, dare aiuto, come quando nasce un bambino avrebbe bisogno che i propri genitori o qualcun altro supporto, invece diventa un motivo di fatica e di discussione.

Sicuramente non so nei modi con cui il tuo fidanzato tira fuori questo, però dobbiamo dargli ragione perché questo vincolo con i genitori che sono invadenti sono oppressivi può davvero minare il rapporto di coppia quindi rovinarlo e portarlo alla morte.

Un dono da custodire.

Quello che stai costruendo è bellissimo, la scelta di fare un figlio con la persona che ami è un dono enorme e come tale deve essere custodito, non puoi metterlo a rischio pur di fronte a un legame familiare. Una cosa importante che però ci viene in aiuto in questo è riconoscere che nel momento in cui tu sei andata via di casa, quello è il preciso istante in cui tua mamma ha realizzato il suo ruolo di genitore, la sua sfida di riuscire a portare un bambino dall’essere nato ed essere pieno di bisogni, di essere accudito, fino a diventare un adulto che prende le proprie scelte in maniera autonoma e indipendente ed è anche in grado di costruirsi una propria famiglia e una propria vita.

Il compito di ogni madre.

Magari non è contenta in maniera diretta di questo, però allo stesso tempo ha realizzato quella che è la sfida più grande per ogni genitore e quindi ha assolto il suo ruolo e il suo compito di mamma e quindi cerca di riguardare tutto questo che stai vivendo alla luce di questo sguardo, di questo modo di vedere le cose e sicuramente riuscirai a rimettere in ordine le cose.

Tu non hai abbandonato tua mamma, sei diventata grande e sei diventata la matura e questo è lo scopo di ogni genitore, anche lo scopo di ogni bambino è quello di non rimanere attaccato per sempre ai propri genitori.

Via tutto ciò che è tossico, ma nel modo giusto!

Sicuramente bisogna tenere lontane le persone tossiche nella propria vita, cioè tutte quelle persone che al posto di arricchirci ci appesantiscono e ci caricano dei loro fardelli. Quando sono degli amici o dei conoscenti, questa cosa ti viene più facile, quando sono dei parenti questa cosa inizia a pesare non poco, però questa cosa deve essere fatta e può essere fatta però anche nel modo corretto, quindi non che sparisci, cambi telefono e praticamente rientri nella protezione testimoni delle spie, ma le spieghi i motivi il perché di questa distanza, e sei comunque aperta ad uno spazio qualora le condizioni cambiassero.

Se tua mamma decide di fare il cardine della sua vita e di iniziare a dir la verità, a volere bene al tuo fidanzato e riconoscerlo come una parte preziosa e importante della tua vita, allora si può guadagnare quello spazio di vicinanza, se no è lei che con il suo comportamento, con le sue azioni, decide in qualche maniera di stare lontana perché non ci sono le condizioni per essere vicini a voi.

Agnese aggiunge il suo pensiero:

Quello che mi viene un po’ da aggiungere rispetto quello che già ti ha suggerito marco è questo, sicuramente essere mamma ti ha aiutata un po’ a rimettere in fuoco quello che sarebbe il tuo desiderio, come tu avresti voluto la tua mamma e come la vorresti in questo momento vicina, io credo che avere costruito una buona relazione di coppia con il tuo compagno, in cui c’è da quello che ci racconti un buon dialogo, ti abbia un po aiutata a a mettere a fuoco quella che è l’importanza delle relazioni che ti fanno star bene.

Credo che sia importante allora provare un po’ insieme con il tuo compagno, a fare il focus su come mantenere la relazione con tua mamma se questo è possibile. Tagliare i ponti con con una mamma è quasi impossibile, tanto più quando diventa anche nonna, per cui è importante che tu riesca a mettere un po’ dei paletti.

Il primo paletto:

il primo paletto è quello che devi mettere con te stessa, e cioè capire che quelli che sono i pensieri di tua mamma, i suoi punti di vista, e come diceva anche marco i suoi problemi, sono suoi e non devono fare breccia ecco nelle tue sicurezze e nella famiglia che sei riuscita a costruirti.

Il secondo punto che può in qualche modo esserti di aiuto è magari provare a mettere dei paletti anche a livello di regole nella frequentazione con lei, per cui per esempio la prima regola che mi viene un po’ da suggerirti è quella di non lasciare mai che sia da sola con la bimba, nel senso che se lei ha tutto questo risentimento nei confronti del tuo compagno potrebbe essere negativo lasciarla da sola con lei.

Creare un po’ quindi un luogo neutro di incontro e quindi evitare posti in cui lei possa lasciarsi andare un po’ nei suoi discorsi ed evitare proprio poi quegli aspetti della sua vita in cui, in qualche modo lei sai già che ti farà stare male. Provare un po’ a stopparli prima che possano entrare ad essere parte dei vostri discorsi.

Queste sono un po’ i consigli che mi veniva da darti, ovviamente sempre confrontandoti con il tuo compagno.

Ti salutiamo, in bocca al lupo per tutto e soprattutto per la vostra scelta di genitori e la vostra missione di mamma e papà. Vi auguriamo il meglio e dateci vostra notizia quando ci saranno notizie a riguardo i cambiamenti.

Un abbraccio da noi e da tutto il team briicks, ciao!

_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *