Insicurezza personale riversata sulla coppia

Rispondiamo ad una richiesta anonima che ci ha contattati scrivendoci:

Ho avuto un confronto con il mio ragazzo (con il quale sto da 6 anni) che non pensavo di avere.
Mi ha confessato alcune cose di sé che non aveva detto a nessuno prima d’ora (nemmeno i genitori): mi ha detto che lui vuole solo che io sia tranquilla che va bene se sono felice io, ma per me non va bene; mi ha detto che ha paura di rendermi triste e che non si sente mai sicuro sul fatto che mi stia o meno rendendo felice, e questo tra l’altro è scaturito a causa mia perché io per non renderlo triste, a volte non gli dicevo le cose o mentivo sullo stare bene (e me lo ha confessato lui). Ma la cosa che più di tutte mi ha fatto crollare il mondo addosso è staya quando mi ha detto che quando prova un emozione la sente per poco e poi finge di continuarla per le altre persone.
Mi ha devastata. Mi sono resa conto che con me ha finto di essere una persona che non è, per quello che lui definisce “il mio bene”.
Mi sono sentita angosciata, terrorizzata e tradita: da 6 anni, me lo ha detto solo adesso. E solo perché io ho fatto pressione.
Mi ha detto che per lui va bene così, ma io non credo che vada davvero bene. Vorrei aiutarlo, ma non so come fare.
Gli ho detto di comportarsi senza fingere con me e la scorsa volta che abbiamo avuto un momento di intimità, gli ho fatto del solletico e lo ha percepito, ma è stato solo per l’istante. Poi ha detto che era così che davvero sente lui.
Al che ho pensato “ok non sta fingendo” ma poi è arrivata nuovamente l’angoscia.
A questo mi si è aggiunta l’ansia se i sentimenti che prova per me sono veri, e lui me l’ha confermato. Ma non riesco a togliermi l’angoscia di dosso.
Ultimamente sta anche passando molto tempo con degli amici online e mi sento un po’ messa da parte.
Ho sempre avuto paura di essere abbandonata (sarà che è capitato spesso quando ero piccola) e gliene ho parlato e lui mi ha detto che nessuno mi abbandonerà. È solo che tendo ad essere ansiosa, stressata e insicura e ciò mi porta ad avere pensieri negativi e a essere in ansia quando non mi risponde.
Grazie e spero di avere un consiglio.

Se vuoi che rispondiamo a una tua richiesta, scrivici qui:

Briicks risponde! Qualche consiglio per voi

Inizia Marco con le presentazioni

Ciao a tutti siamo qui per un nuovo episodio di Briicks risponde, la rubrica in cui io Marco insieme alla psicologa Agnese lombardi, rispondiamo a tutti gli amici briicks che ci scrivono chiedere qualche piccolo consiglio. Ci espongono la loro situazione come se fossimo davanti ad una tazza di caffè  e  noi proviamo a dire la nostra. Non vuole essere assolutamente risolutivo, non è una cosa terapeutica però a volte sentire qualche consiglio da un amico esterno ai fatti può essere davvero utile.

Rispondiamo ad una ragazza che ci scrive e ci chiede di rimanere anonima. Ci presenta un po’ tutta quanta la sua situazione. Dopo sei anni che sta insieme al suo fidanzato si sono confrontati e lui le ha detto che ha paura di renderla triste, non si sente mai sicuro sul fatto che lei sia felice o lui riesca renderla felice ma la cosa che l’ha davvero sconvolta è un po questo, lui le ha confidato che quando prova un’emozione la sente per poco poi questa cosa la prova per tempo e anche con altri. Io non l’ho inteso benissimo, intuisco e cercherò di darti una risposta, un pensiero, su quello che io ho interpretato. Spero di averlo interpretato bene! Lei ha l’impressione che lui stia fingendo e quindi questo diventa un problema all’interno della relazione. Ci chiede un piccolo confronto su questo.

Il punto di vista positivo

Allora cara amica che ci hai scritto io vorrei dirti questo: se dopo sei anni ti ha parlato di questa cosa, non mi concentrerei sul fatto che te l’ha nascosto per sei anni ma che finalmente dopo sei anni ha trovato lo spazio di confidenza per potersi aprire e raccontarti di questa cosa che sta vivendo. Questa per me è una cosa bellissima perché tra di voi c’è fiducia e si sente protetto ed accolto e capisce che di te si può fidare. Capisco la reazione immediata, ti avrà sconquassato dentro, ci mancherebbe, è una cosa grossa e importante che ti ha colpito però adesso concentrati sulla cosa bellissima che ha fatto con una confidenza. L’apertura è proprio bella, fa parte dell’intimità di una relazione che trova spazio ed è proprio bello che sia così.

Esisteva un momento migliore?

Ragiona un po’ su quale poteva essere il momento migliore di questo per dirti questa cosa, farti questa confidenza. Probabilmente l’avesse fatto all’inizio tu ti saresti spaventata e probabilmente la vostra relazione non avrebbe mai avuto lo spazio e il tempo che le avete dedicato ed è sempre difficile fare questo genere di confidenze. Un’altra cosa che vorrei dirti è di non farti carico di questo. Lui ti ha detto questa cosa ma non è che sei tu a doverla risolvere, non è che sei tu a dover portare questo peso. Magari voleva addirittura semplicemente confidarsi, dirti come stanno le cose o anche provare lui a fare ordine raccontandoti questa cosa. Diamo per scontato che ci sono persone che sappiamo per filo e per segno come sono fatte ma in realtà non è così. Spesso noi abbiamo delle emozioni e non siamo in grado di capirle, interpretarle. Raccontare quello che stiamo provando ci aiuta tantissimo a fare ordine.

La forza del dialogo interiore

Il fatto che lui ti abbia raccontato queste cose è stato sicuramente un momento di verità per lui ma anche diciamo per te, per guardare le cose come stanno a volte uno vive delle cose e si interroga, si chiede, parla con se stessa e vive questo aspetto di dialogo interiore e non è che c’è un giusto o sbagliato e quindi anche in questo all’interno della reazione, è proprio bene imparare a fare un po’ di verità rispetto quello che si sta vivendo sia nei suoi confronti, sia nei confronti dell’altro e con questo posso ora passare la parola ad Agnese.

La parola alla psicologa Agnese

Grazie, io condivido assolutamente con Marco l’idea che questa confessione che lui ti ha fatto sia qualcosa di arricchente, qualcosa di importante, una tappa fondamentale un po’ della vostra relazione. È vero che magari sono avvenuti dopo tanto tempo ma non so quanti anni abbiate, col tempo nella relazione si può crescere in maniera diversa in base all’età di chi la configura.

Quello che mi viene un po’ anche da pensare è che siete arrivati un po’ a un bivio. Forse fino a questo momento entrambi sicuramente vi idealizzavate a vicenda , voi e la vostra coppia, quindi lui era perfetto per te e lui vorrebbe farti felice perché probabilmente anche lui immagina che tu sia una persona molto importante per lui e forse anche perfetta per lui.

È arrivato il momento in cui invece piano piano vi state svestendo delle perfezioni che ognuno vedeva nell’altro, raccontandovi per le vostre paure, per le vostre debolezze, i vostri pensieri che in qualche modo fate fatica ad ammettere anche solo a voi stessi.

Il momento della scelta

Questo come dire è un momento importante in ogni coppia perché è il momento poi in cui effettivamente si sceglie, ci si sceglie reciprocamente. Non tanto per come io desidero che tu sia o per come io desidero che tu mi veda ma per quello che sono, quello che sono in tutto e per tutto.

Non sta a te risolvere i suoi problemi come non sta a lui risolvere i tuoi ma sta ad entrambi decidere se ognuno vuole risolvere i suoi e quindi se tu vuoi risolvere le tue paure, dare un pò di controllo alle tue insicurezze, a ciò che in qualche modo ti rende fragile e provare un po’ ad affrontarle tutte così come lui deve scegliere se affrontare le sue. Penso che sia un momento importante sia per voi come singoli sia per voi come coppia ed è da lì che si può semplicemente decidere se crescere insieme, affrontando ognuno le proprie debolezze, standosi accanto e facendovi guardiano uno per l’altra, facendo in modo che l’altro raggiunga il suo massimo.

Incoraggiarsi a fare da sé

Incoraggiarlo senza fare il lavoro al posto suo e chiedergli di farlo per forza per te.

Questo è un po quello che mi veniva da raccontarti, quello che mi è venuto in mente pensando a voi e non sono questioni semplici, non sono delle paure semplici che vi trovate ad affrontare. Sono piuttosto complesse e quindi sicuramente avrete bisogno di fare un percorso.

Vi faccio il mio migliore augurio per avere il coraggio di guardare dentro queste vostre difficoltà e queste vostre paure.

Con questo vi salutiamo, vi abbracciamo e  vi facciamo in bocca al lupo per tutto quanto.

Tanti auguri da noi e da tutto quanto il team briicks, ciao!

Lascia un commento