Quanto costa un matrimonio? Una guida per calcolare quanto vi costerà sposarvi!

11 gennaio 2018
categorie: matrimonio e dintornidi Marco Mattio

Si dice che una delle motivazioni per cui le coppie non si sposino più siano i pochi soldi. Prevale quindi la scelta di andare a convivere, che risulta più immediata e meno costosa. Abbiamo già scritto riguardo alla possibilità di organizzare i matrimoni in economia però vorremmo dare ancora un po’ più di concretezza a questo argomento e sciogliere ogni dubbio alla domanda: Quanto costa un matrimonio? Quanto costa un matrimonio semplice senza sfarzi e pretese… giusto per farsi un’idea?

Quanto costa davvero sposarsi? A conti fatti il minimo che potete spendere sono 16€ di marca da bollo se siete entrambi residenti nello stesso comune. Il massimo invece non c’è… chi ha budget illimitato non avrà alcun limite: spulciando nelle conversazioni dei forum un po’ più ricercati si sentono anche cifre sopra i 100.000€. Se pensi di spendere quella cifra termina la lettura, perché qui ci interessa dare una risposta semplice e completa che ti aiuti ad avere dei parametri e dei punti di riferimento per chiarirti le idee, una volta per tutte, e capire nel concreto quanto costi un matrimonio.

Quali sono le difficoltà di chi vuole capire quanto costa un matrimonio?

Come prima cosa, ogni regione d’Italia ha il suo mercato e i suoi tariffari. I professionisti del settore sono molto localizzati, quindi è normale che si creino alcune zone in cui certi servizi costano e di più e altre in cui i prezzi sono più abbordabili. Tra le città più costose troviamo Roma e Firenze (ma dài!), mentre per risparmiare basta spostarsi in Molise. Uno dei fattori che incidono di più è infatti la location: è chiaro che avere una location esclusiva sul lago o sul mare farà lievitare i costi. Quello che è certo, però, è che non c’è bisogno dell’operatore “top” e non c’è bisogno di seguire appieno la tradizione che prescrive abiti importanti, fiori, fotografi, banchetti, bomboniere e costosi viaggi di nozze: siete voi a scegliere quanto fare costare il vostro matrimonio, con molta libertà.
Non si tratta di rinunciare a delle cose: semplicemente, basta valutare con attenzione come spendere il proprio denaro e quale valore dare alle cose, sapendo che il vostro amore ha un valore immenso e che rinunciare ad impegnarvi pubblicamente di fronte ad amici, parenti e ufficianti perché, a vostro avviso, il matrimonio costa troppo, potrebbe essere solo una scusa.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Pinterest
  • StumbleUpon
  • Tumblr

Quanto costa un matrimonio semplice

Come fare a capire quanto costa un matrimonio molto importante: il tuo!

Il primo passo è certamente suddividere le tipologie di spesa: i costi fissi dai quelli variabili. Vi abbiamo preparato un piccolo strumento che davvero potrebbe esservi d’aiuto: l’abbiamo già riempito con alcuni numeri frutto della nostra esperienza e di un’attenta ricerca su siti internet di settore. Avete già le voci suddivise in costi fissi, cioè tutte quelle cose che sono pezzi unici e che non variano in base al numero di invitati (il costo della cerimonia, delle pratiche burocratiche, le fedi nuziali, i vestiti, i fiori, le foto…) e costi variabili, cioè le spese che variano a seconda del numero di invitati.

Come ridurre i costi fissi del matrimonio?

Ne abbiamo già parlato nello specifico in questo articolo su come risparmiare sul matrimonio, dandovi degli spunti sicuramente interessanti.
Riprendiamo ora questo problema in chiave nuova e in modo più specifico. Quando pianificate i costi fissi del vostro matrimonio, se avete l’esigenza di contenere i costi avete tre possibilità:

1. Tagliare la spesa valutando quello che forse non è fondamentale

Ci sono spese che non possono essere tagliate, come ad esempio la fede nuziale: senza le fedi non ci si sposa! Ma altre spese davvero sono spesso dei surplus: il noleggio dell’auto, certi accessori, gli abiti delle damigelle e magari anche le foto e i video. Non vi stiamo dicendo di rinunciarvi, ma che ci si sposa lo stesso anche senza queste cose. Siate liberi nel valutare alcuni acquisti: il vostro matrimonio sarà bellissimo anche senza.

2. Trovare uno sponsor che si accolli la spesa

In rete ci sono testimonianze di sposi che hanno avuto la possibilità di avere accessori e vestiti in cambio di recensioni e liberatorie all’uso del materiale fotografico. Effettivamente talvolta ricreare un set da matrimonio costa di più che sfruttare un matrimonio vero.
Ma rientrano nella categoria degli sponsor anche parenti e amici che contribuiscono economicamente nel regalare dei valori importanti a ricordo della cerimonia: in primis le fedi, ma anche, perché no, le foto e i video o gli abiti. Chiedere costa poco: la cosa peggiore che può capitarvi è un rifiuto. Non sarà quello a impedire di sposarvi.

3. Trovare un’alternativa lowcost

Un ultimo modo per ridurre i costi fissi è semplicemente quello di contenere la spesa scegliendo operatori più economici. Non sempre “costoso” significa “qualità più alta”. Per esempio, alcuni amici al posto di noleggiare un’auto sportiva per il matrimonio a 500€ / giorno hanno noleggiato la stessa auto sportiva al noleggio dell’aeroporto per 100€. L’ingegno aiuta chi non si piange addosso.

Quali sono i costi variabili del matrimonio?

I costi variabili sono tutti quelli che dipendono dagli invitati, quindi per contenere la spesa si può cercare di limitarne il numero. Se non si hanno limiti si può stare larghi e invitare alle proprie nozze tutti quelli che si conoscono, amici e colleghi. Altrimenti il TDB (test della birra) va sempre bene: “Sono andato a bermi una birra con questa persona nell’ultimo anno?” (al posto di “birra” e di “ultimo anno” personalizzate a vostro piacimento); potete passare in rassegna le persone verificando se superano o meno il test.
Tra i costi variabili troviamo le partecipazioni e le bomboniere (attenti a contare i nuclei famigliari e non le singole persone), ma soprattutto una delle voci che incidono di più: il banchetto o rinfresco. Questa voce potrà variare fino all’ultimo; purtroppo gli imprevisti dell’ultimo momento sono sempre ordinari, quindi è davvero molto utile chiedere la conferma degli invitati con ampio respiro per evitare inutili sprechi di costi.

Quali sono allora le voci di spesa principali per capire quanto costa un matrimonio?

Abbiamo creato una tabella in cui abbiamo inserito i costi complessivi, sapendo che il vero minimo sono 16,00€ di marca da bollo, e il vero massimo non c’è! La voce legata ai costi variabili è calcolata sulla base di 100 invitati; nel file Excel che potete scaricare al fondo all’articolo, potete tranquillamente mettervi a giocare con i numeri e costruire la vostra colonna!

  Minimo Medio Massimo
COSTI FISSI
Cerimonia in comune  €                    16,00  €                 250,00  €              1.000,00
Cerimonia in chiesa  €                    50,00  €                 200,00  €                 300,00
Fiori e decorazioni  €                 400,00  €                 900,00  €              3.000,00
Foto e Video  €                 800,00  €              1.600,00  €              3.000,00
Trasporti, noleggio auto  €                 100,00  €                 400,00  €              1.000,00
Fedi nuziali  €                 350,00  €                 800,00  €              1.500,00
Vestiti e accessori sposa  €                 150,00  €              1.000,00  €              4.000,00
Vestiti e accessori sposo  €                 150,00  €                 800,00  €              2.000,00
Estetica  €                 120,00  €                 300,00  €                 500,00
Pratiche burocratiche  €                    16,00  €                    32,00  €                    32,00
Bouquet sposa  €                    60,00  €                 120,00  €                 250,00
Location per festa  €                           –  €              2.000,00  €           12.000,00
Musica  €                 120,00  €                 650,00  €              3.200,00
COSTI VARIABILI  ( Questi sono costi unitari variabili a seconda del numero di invitati)
Rinfresco / banchetto  €                    40,00  €                    70,00  €                 150,00
Partecipazioni  €                      0,50  €                      2,00  €                      4,00
Bomboniere  €                      3,00  €                      8,00  €                    15,00
Centritavola al ristorante  €                    10,00  €                    15,00  €                    40,00
Torta nuziale  €                      4,00  €                      5,00  €                      7,00
Trasferta per invitati  €                           –  €                 250,00  €                 300,00
TOTALE costi variabili € 4.770,00  €           10.887,50 € 47.530,00
COSTI OPINABILI
Viaggio di Nozze  €              1.000,00  €              4.000,00  €           18.000,00
Divertimento  €                 200,00  €                 600,00  €              5.000,00
Abiti Damigelle / Paggetti  €                 250,00  €                 400,00  €              1.200,00
TOTALE  €          8.552  €       24.940  €     103.512

Quanto costa un matrimonio?
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Pinterest
  • StumbleUpon
  • Tumblr

Quali sono i costi “opinabili” e perché sono inseriti a parte nella valutazione del costo di un matrimonio?

Sarà che sono cresciuto con mia nonna che mi ripeteva che lei, il viaggio di nozze, doveva ancora farlo! Ci sono delle voci che sicuramente incidono nel costo di un matrimonio ma sono in qualche maniera secondarie. Nel codice civile non è prescritto un viaggio, nè gli abiti di damigelle o allestimenti particolari.

Non abbiamo inserito nella pianificazione dei costi un’eventuale wedding planner, perché renderebbe il problema di capire quanto costa un matrimonio ancora più complesso! Le wedding planner in effetti spesso sono un costo fisso: si fanno pagare per il servizio organizzativo e di consulenza, ma al tempo stesso sono molto utili per risparmiare su certi fornitori perché ottengono, grazie al fattore fidelizzazione, notevoli sconti. Altri operatori wedding planner invece guadagnano proprio sulle provvigioni dei fornitori (atelier, location, etc.), non incidendo sul budget del matrimonio.

Vi regaliamo il file excel con il quale potete pianificare in maniera precisa i costi del vostro matrimonio

Scarica i documenti xls e ods per stilare il piano di spesa del vostro matrimonio

In ogni caso, vi facciamo i nostri auguri per il vostro sì, e con tutto il cuore ci teniamo a ricordarvi che i vostri sì non hanno prezzo. Neanche Mastercard ce la fa.

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!