Non c’è dialogo nella coppia e l’altro è un muro: che fare?

26 marzo 2018
categorie: felicità di coppiadi Sara Foradini

Non c’è dialogo nella coppia e vi sembra che il partner abbia eretto un muro invalicabile che vorreste riuscire ad abbattere, ma vi appare così imponente da sembrare insormontabile ed indistruttibile: che fare?

Innanzitutto cerchiamo di capire il perché di questi silenzi eccessivi e pesanti: quali motivazioni vi sono alla base?

1- Il clima di tensione è causato da motivi esterni alla coppia
Tensioni sul lavoro, sofferenze importanti che riguardano la famiglia di origine, problemi di salute, preoccupazioni varie. Tutto ciò che un individuo prova singolarmente si riflette anche sulla coppia e quando il malessere ha motivazioni importanti e/o non si riesce a gestire il proprio vissuto in modo positivo e contenuto, questo può causare malumori, silenzi e tensioni.
Provate a leggere il punto numero 11 di questo articolo !

2 – Non c’è dialogo nella coppia perché il partner ha un carattere taciturno e sembra arrabbiato, ma in realtà non lo è

Ormai dovreste conoscerlo! Forse è un po’ peggiorato? Oppure voi siete meno pazienti in questo periodo?  Ne abbiamo già parlato sempre  in questo articolo, provate a dare un’occhiata al punto numero 5!

3 – Non c’è dialogo nella coppia perché non sapete come parlarvi e questo vi ha condotto a sentirvi sempre più distanti

“Alla base di molti equivoci, malintesi e insicurezze della vita quotidiana spesso c’è soltanto una difficoltà di comunicazione con gli altri.”
Vi ricordiamo a tal proposito la lettura di questo libro!

4 – Il partner non vi parla perché è arrabbiato con voi

In questo caso si tratta di un silenzio passeggero, ma a meno che non l’abbiate combinata grossa vi basterà  leggere 10 modi creativi per fare la pace dopo un litigio, sceglierne uno ed applicarlo quanto prima!

5 – Vi trovate in un periodo di crisi profonda

Le avete provate tutte, ma continuate a constatare che il partner ormai è un muro e non c’è dialogo nella coppia. Oggi ci dedichiamo ad esaminare quest’ultima situazione che non abbiamo ancora affrontato e si presenta più grave e preoccupante rispetto a quelle precedenti.

Qualsiasi cosa diciate o facciate, anche se siete seduti vicini vi sentite ormai lontani come se foste a chilometri di distanza.
Avete provato più volte a sorprenderlo con qualche pensiero speciale, ma soprattutto avete definito che cosa vorreste che l’altro cambiasse nei suoi comportamenti eppure niente, sembra sordo di fronte ai vostri richiami ed alle vostre richieste.
Così la vostra insoddisfazione si è trasformata in frustrazione e le lamentele sono diventate le uniche parole che sentite uscire dalla vostra bocca.
Per non parlare poi dei momenti di litigio o di silenzio assoluto, quello che fa ancor più male perché punge da dentro e destabilizza.
Insomma, la situazione è critica e non sapete più che pesci prendere: davvero non c’è più niente da fare?

L’altra sera abbiamo guardato un film che propone come soluzione il raccogliere tutte le energie ed addentrarsi nel meraviglioso mondo dell’amore incondizionato: “l’altro sembra non amarmi più? Io lo amerò di più e meglio di prima per riconquistarlo e far decollare il rapporto“.
Il film in questione si intitola “Fireproof ” ed esistono anche due libri a lui connessi: “La sfida dell’amore” e “La sfida dell’amore giorno per giorno“.

Vi consigliamo di dar loro un’occhiata: non si tratta di un diversivo per trascorrere del tempo in modo da non pensare al problema, al contrario: può essere un’opportunità concreta per cambiare il proprio punto di vista e mettersi nei panni dell’altro cercando di far migliorare la situazione con azioni concrete e mirate.
“La sfida dell’amore” propone un percorso di quaranta giorni che vi insegnerà ad amare in modo incondizionato. La copertina riporta:
“L’amore incondizionato viene promesso con entusiasmo il giorno delle nozze, ma raramente viene messo in pratica nella vita di ogni giorno. Di conseguenza, le speranze romantiche lasciano spesso il posto alla delusione. Ma chi ha detto che debba continuare così? La sfida dell’amore è una sfida […] rivolta a mariti e mogli desiderosi di comprendere e sperimentare l’amore incondizionato.”
“La sfida dell’amore giorno per giorno” consiste invece in un viaggio di coppia che dura trecentosessantacinque giorni.

Amare incondizionatamente per abbattere i muri e recuperare la relazione

“Dove non c’è amore metteteci amore e ci sarà amore” ha affermato S. Giovanni della Croce.
Si basa proprio su questo principio la soluzione proposta dal film (e dal libro.)
Ciò si discosta molto dalla mentalità ormai diffusa tra molti, che prevede di dare il minimo, di pensare solo a sé stessi, di scartare ciò che non ci fa più star bene e di farsi desiderare soltanto.

Che cosa si intende per amore incondizionato?

Dal vocabolario “amore incondizionato” significa “non limitato da alcuna riserva o condizione restrittiva”, “pieno, assoluto, totale“.

Questo genere di amore va controcorrente: richiede di assumersi la responsabilità in prima persona, di rimboccarsi le maniche per aggiustare e ricostruire e di contare sui tempi lunghi,  cosa che, secondo Bauman, oggi è piuttosto assente: “Nessun tempo per far crescere il desiderio; solo la voglia effimera che, pretendendo soddisfazione immediata, rende l’altro un oggetto presto consumato” (“Amore liquido. Sulla fragilità dei legami affettivi”).

Come si può imparare ad amare in modo incondizionato?

Secondo il libro, amare in modo incondizionato consiste nel:

1 – Donarsi per primi senza sconti né calcoli
2 – Spendersi indipendentemente dai comportamenti o atteggiamenti dell’altro
3 – Essere fedeli
4 – Non perdere la speranza
5 – Desistere dalla tentazione di mandare tutto all’aria
6 – Allontanare pensieri vittimistici
7 – Allontanare sentimenti di orgoglio
8 – Perseverare nel prendersi cura dell’altro con costanza e impegno
9 – Ascoltare e osservare l’altro per conoscere di più i suoi bisogni e le sue preferenze
10 – Considerare il rapporto una priorità che supera tutto il resto
11 – Imparare a perdonare
12 – Non perdere la motivazione
13 – Attivarsi con gesti concreti
14 – Proteggere il partner e il proprio rapporto
15 – Contare sui tempi lunghi

Questo scrittore è un pastore battista, per cui affronta anche temi riguardanti la religione che potrebbero non rispecchiare il vostro credo e le vostre idee (io per prima essendo cattolica non mi ritrovo in tutto), tuttavia penso che il tema di fondo sia comune a tutti gli esseri umani che mirino davvero ad abbattere i muri e possa esser preso come spunto per non dover mai più dire “non c’è dialogo nella coppia”!

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!